L’ospedale di comunità di Fasano sarà attivo dal 28 ottobre

di Redazione Go Fasano venerdì, 27 ottobre 2017 ore 07:31

A dichiararlo, con soddisfazione, è il consigliere regionale Fabiano Amati.

FASANO-  È stata disposta l’attivazione dell’Ospedale di Comunità presso i Presidi Territoriali di Assistenza (PTA) di Fasano il 28 ottobre e Mesagne il 31 ottobre, previa sottoscrizione di un protocollo di intesa tra i Medici di Medicina Generale e i Direttori dei Distretti Socio-Sanitari.

L’attivazione dell’Ospedale di Comunità era compresa tra le tipologie di intervento con priorità alta previste dalla riconversione dell’ex ospedale di Fasano e Mesagne in PTA, in applicazione del Piano di riordino ospedaliero regionale, dopo un percorso definito anche attraverso il confronto con le parti sociali, come avvenuto in tutta la Puglia. 

“Mi pare di poter dire che anche l'ultimo tassello della riconversione in PTA sta raggiungendo il suo posto. Ringrazio per questo il Direttore generale della ASL Giuseppe Pasqualone, il direttore sanitario Angelo Greco, la responsabile del distretto Rossella Rosato e il Sindaco di Fasano Francesco Zaccaria. Ringrazio, inoltre, il Dott. Donato Monopoli - rappresentante dei medici di base - per l'impegno e la professionalità prestata nel raggiungimento dell'obiettivo, e tutti i medici di base fasanesi” ha dichiarato il Presidente della Commissione regionale bilancio Fabiano Amati.

All’interno del Presidio Territoriale di Assistenza possono essere svolte diverse funzioni in ragione dello specifico contesto di offerta e di fabbisogno, tra cui l’Ospedale di Comunità, esperienza già attuata con successo nell’ambito di questa ASL presso l’ex ospedale di Cisternino e quello di Ceglie Messapica.  

La riqualificazione della rete dei Presidi Ospedalieri dismessi si realizza attraverso strutture polifunzionali, incardinate nella funzione gestionale e organizzativa dei Distretti Socio Sanitari. I PTA sono in grado di erogare tutti i servizi di prossimità nell’ambito sociale di riferimento, in coordinamento istituzionale con i servizi sociali comunali e previa valorizzazione del ruolo centrale del medico di assistenza primaria per la risposta unitaria alla domanda: cure primarie, assistenza sanitaria di base e specialistica, continuità assistenziale H24, emergenza territoriale, attività di prevenzione, servizi di riabilitazione e dialisi, diagnostica per immagini e di laboratorio, farmacia, servizi amministrativi rivolti alla persona.

"L'ospedale di comunità di Fasano, che a regime avrà 30 posti di degenza, di cui 20 per adulti e 10 per bambini, ha attivato, in largo anticipo, sia un processo di adattamento di Fasano alla modernità nelle cure sanitarie che ingenti risorse economiche per l'ammodernamento della struttura dell'Umberto I - ha proseguito il consigliere Amati- . Se mi fermo a pensare per un attimo che questa struttura farà coppia, speriamo entro 3 anni, con il nuovo ospedale Monopoli-Fasano, emerge un sentimento di sollievo per tutte le critiche ingiuste e frutto di speculazione politica che abbiamo dovuto assorbire”.  

Il PTA è un modello organizzativo in grado di superare la dispersione e la parcellizzazione dei servizi sul territorio, configurato come area per la realizzazione integrata dei percorsi diagnostico terapeutici e la presa in carico globale del Paziente.

“L'ospedale di comunità che si inaugura il prossimo 28 ottobre- ha affermato ancora il consigliere regionale Amati- riempie di ulteriori contenuti un PTA che già nei primi mesi di attività ha fatto registrare numeri imponenti. Dunque, a chi continua a dire che tutto è chiuso - ha concluso il consigliere Amati-  la migliore risposta è contenuta nell'attività e nel lavoro professionale e generoso di tutto il personale addetto, compresi gli infermieri, gli ausiliari e i dipendenti tutti, in grado peraltro di attrarre pazienti da molti altri comuni delle province di Brindisi e Bari”.

Tempo stimato di lettura: 1'20'

Attribuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Fasano social







Commenti recenti

  • pastore giovanni

    È rimasta bloccata al Senato perchè non si riuscì a valutare l'ora giusta che doveva stabilire quando si poteva premere il grilletto e chi doveva...

    Mostra articolo
  • pastore giovanni

    L'ultimo ostacolo è stato superato.Ormai la partecipazione,la decisione,la volontà popolare diventano sempre meno determinanti per eleggere i...

    Mostra articolo



Login

Se non sei iscritto, registrati subito!