L’alimentazione come terapia con “Apulian Lifestyle”

di Marisa Cassone sabato, 24 marzo 2018 ore 06:25

Ieri, venerdì 23 marzo, la presentazione della prima “Azione Local” presso l’IISS “G. Salvemini” LE FOTO

FASANO - Noi siamo quello che mangiamo e ciò deve renderci consapevoli delle grandi responsabilità che ognuno ha nei confronti della propria salute. Proprio per questo la Regione Puglia ha promosso il progetto “Apulian Lifestyle” con l’obiettivo principale di diffondere i modelli di cura dei cittadini con specifici profili di salute legati all’alimentazione, all’attività fisica, all’educazione, alla ristorazione e alla produzione agroalimentare, insieme a stili di vita corretti e all’osservanza della dieta mediterranea.

Ieri, venerdì 23 marzo, si è dato avvio alla prima “Azione Local” presso l’auditorium dell’IISS “G. Salvemini” di Fasano, per la “Sperimentazione dell’Alimentazione come terapia in Valle d’Itria”, un momento di confronto tra istituzioni, realtà locali, cittadini scuola, per condividere e confrontarsi su un modello orientato a produrre, promuovere e proteggere la salute.
 
L’incontro, moderato dall’attore presentatore Antonio Stornaiolo, si è aperto con l’intervento di Felice Ungaro, in rappresentanza di Health Marketplace Presidenza Regione Puglia, che ha presentato il progetto di alimentazione come terapia rivolto alla popolazione diabetica, attuato in Valle d’Itria, il quale verrà realizzato come integrazione ed ottimizzazione del servizio di assistenza domiciliare integrata: «Oltre alle classiche terapie è necessaria un'alimentazione corretta. Bisogna cominciare a diffondere il messaggio e informare. È importante entrare nella mentalità dei pugliesi e fargli capire che la loro salute dipende dalle scelte che fanno».

La parola è poi passata agli altri promotori del progetto come Pierluigi Ruggiero (Direzione Amministrativa Gabinetto), il sindaco di Cisternino Luca Convertini e il sindaco di Martina Franca Francesco Ancona, insieme all’assessore all’Istruzione del Comune di Fasano Cinzia Caroli che ha affermato: «Si tratta di un progetto molto vicino ai ragazzi. Parliamo di qualità della vita. Noi adulti abbiamo il compito di educare i nostri ragazzi partendo dall’attuazione delle buone pratiche». Sono intervenuti anche Mario Conca (Componente Commissione Sanità Welfare Regione Puglia), Filomena Passatore (Ordine Assistenti Sociali della Regione Puglia), Anna Cammalleri (Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia), Maria Lisa Clodoveo e Antonio Mazzocca (Dipartimento Interdisciplinare di Medicina Uniba), Gianluigi Cesari (Formazione Territoriale dei promotori Apulian Lifestyle), Bernardo Notarangelo (Direttore del Coordinamento delle Politiche Internazionali), Massimo Vinale (Asp Terra di Brindisi), Vito Albino (Agenzia regionale per la tecnologia e innovazione), Giannicola D’Amico (Gal Valle d’Itria), Gaetano Romanelli (FederAnziani), Davide Bruno (Associazione SmartCitizen) e Giovanni Gorgoni (Agenzia Regionale Salute ed il Sociale).
 
Ospite dell’iniziativa è stato l’attore Emilio Solfrizzi che, insieme al collega Stornaiolo, ha illustrato la cultura e lo stile di vita dei pugliesi tra la solita ironia e un pizzico di verità, portando il sorriso tra il pubblico partecipante.

La conclusione della mattinata è spettata al presidente della Regione Puglia Michele Emiliano: «Mangiar bene è una medicina - ha sottolineato il presidente pugliese - mangiar bene significa produrre beni e servizi senza distruggere l'habitat dove ciò viene prodotto. L'idea della salute non si recupera in ospedale. Dobbiamo recuperare - ha concluso - tutto ciò che possa rendere il nostro futuro sicuro ed equilibrato».

Il progetto proseguirà con workshop e molteplici attività sviluppate per favorire percorsi intersettoriali di informazione e formazione, favorendo la cultura alla salute e progetti local innovativi.
 
Tempo di lettura stimato: 50"

Attribuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Fasano social







Commenti recenti

  • SARACINO francesco

    La risposta giusta dopo confronti con tecnici alla richiesta approssimativa di chi vuole solo raccogliere consensi popolari.

    Mostra articolo