Un enorme nido d'api in piazza Ciaia rimosso sotto gli occhi di tanti curiosi

di Redazione Go Fasano sabato, 12 maggio 2018 ore 06:00

Lo sciame ha cominciato in mattinata a nidificare su uno degli alberi presenti dinanzi al Municipio. LE FOTO

FASANO - Un curioso pomeriggio quello vissuto ieri (venerdì 11 maggio) nella centralissima piazza Ciaia, quando la formazione improvvisa di un nido d'api sull'albero posto dinanzi alla targa commemorativa di Franco Zizzi, ha dapprima attirato l'attenzione dei presenti per poi rendere necessaria l'immediata rimozione dal ramo e degli insetti.

Lo sciame d'api ha cominciato a posarsi sul ramo attorno alle 13 circa quando - a detta dei negozianti presenti in piazza - era poco meno grande delle dimensioni di una mela. Con il passare delle ore però (come mostrano le foto), la nidificazione ha reso necessario l'intervento degli apicoltori. Va ricordato che, per legge, le api essendo una specie protetta non possono in nessun modo essere soppresse. Le api non sono infatti solamente addette alla produzione del miele, ma il ruolo che hanno all'interno del nostro ecosistema è ben più importante.

Dalle api dipende l'impollinazione di ben 71 colture su 100 presenti al mondo. Si stima che se le api scomparissero, non resterebbero che 4 anni di vita per la razza umana. Dalle api, dunque, dipende l'esistenza umana. Da questo essere tanto temuto quanto importante per tutti noi, dipende il futuro della terra.

Durante la rimozione, avvenuta intorno alle ore19, parecchi cittadini sono accorsi per assistere incuriositi all'evento. Non una cosa da tutti i giorni, chiaro (e menomale), ma natura vuole che questo sia il periodo più propizio (sotto il punto di vista climatico) per dare sfogo al lavoro di queste piccole operaie. Complici le alte ed inusuali temperature che anche maggio, come aprile, ci sta regalando.

Tempo di lettura stimato: 40"

Attribuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Fasano social







Commenti recenti

  • Passiatore Giovanna

    Ci lamentiamo sempre di tutto. Ci sono strade da rifare, scuole da ristrutturare, illuminazione carente ecc.ecc. Però al divertimento non sappiamo...

    Mostra articolo