Rifiuti, presentato il nuovo piano: arrivano le isole ecologiche ma resta il porta a porta

di Redazione Go Fasano sabato, 12 maggio 2018 ore 06:10

Il tutto è avvenuto durante la conferenza dei capigruppo tenutasi ieri, venerdì 11 maggio, con l'ing. Cincavalli

FASANO - Sembra essere fatta per la gara-ponte per il servizio di raccolta dei rifiuti che il Comune di Fasano si appresta in questi giorni ad indire in vista della scadenza del contratto con la Tradeco. C'è il piano industriale, presentato ieri dal sindaco Francesco Zaccaria e dall'ing. Giuseppe Cincavalli durante la conferenza dei capigruppo, e manca solamente il bando di gara che verrà preparato nei prossimi giorni.

Il piano fa fede al disciplinare di gara ANAC pubblicato nel gennaio scorso, ed è stato "calzato" sui numeri della raccolta dei rifiuti del Comune di Fasano: in sostanza è stata tolta ai comuni la possibilità di redigerlo autonomamente. Ora ci sono tutti i documenti necessari per bandire la gara, che vedrà la ditta vincitrice subentrare all'azienda altamurana per una durata di due anni, fino a quando nel 2020 verrà indetta la nuova gara ARO 3 Brindisi (che comprenderà più comuni della provincia). In linea di massima, per la parte tecnica, non ci sono novità rispetto ai temi sui quali i capigruppo si erano già precedentemente confrontati. Vi è però un riequilibrio tra il servizio di igiene urbana, in termini di costi, ed il servizio di raccolta. Il riequilibrio, che mette a disposizione più risolrse per il servizio di igiene urbana, è stato possibile ottenerlo attraverso l'allineamento della frequenza di raccolta alla carta dei Servizi Regionali.

È stato ipotizzato un aumento della manodopera durante la media e alta stagione (specialmente per la costa e la collina), aumento che si è reso necessario per i flussi turistici che caratterizzano questa parte dell'anno, e che fanno aumentare i rifiuti conferiti.

La vera novità è, però, l'introduzione delle isole ecologiche: 7 fisse, al momento, e 9 mobili. In realtà, dopo un'attenta riflessione con i consiglieri comunali presenti (il problema è stato sollevato dalla consigliera Maria Rosaria Olive), si è convenuto di poter convertire alcune unità mobili in isole fisse, per sopperire alla carenza nelle frazioni marine e di Montalbano e Pezze di Greco. In effetti le 7 isole ecologiche fisse, al momento, sono previste sul territorio di Fasano (tre) e in quello dell'agro compresa la collina (quattro): a Fasano una dovrebbe essere installata in Piazza del Mercato Vecchio, la seconda in via Roma e la terza nei pressi del supermercato Eurospin. Resterebbero scoperte però le frazioni dove ci sarebbero solo le unità mobili, ed è per questo che si sta pensando di riconvertirne qualcuna mobile in fissa, così da posizionarne una a Savelletri, l'altra a Torre Canne, l'altra a Pezze di Greco ed una a Montalbano.

Le isole saranno dotate di cinque tipi di conferimento diverso (ma il bando assegnerà un premio alla ditta che ne garantirà sei), un pannello fotovoltaico ed una telecamera di sicurezza. Queste saranno dotate anche di lettore badge, che però al momento non verrà usato (o meglio, si lascia al cittadino la libertà di usarlo o meno). Questo servirà ad incentivare l'utilizzo dell'isola ecologica al posto del servizio porta a porta, e dovrebbe - nelle stime dell'ing. Cincavalli - produrre un risparmio per nucleo di circa 48 euro l'anno (ammesso che la stessa conferisca per un intero anno solo tramite isola ecologica). Non sarà attivo, per ora, il servizio di raccolta puntuale con la pesatura dei rifiuti prodotti, nè sono previste premialità per chi continua ad usare il servizio porta a porta: eventuali sconti deriveranno solo dall'utilizzo delle isole ecologiche, a patto che il giorno in cui viene utilizzata l'isola ecologica, non si conferisca il rifiuto "porta a porta".

La ditta, pena una sanzione di 150 mila euro (ed è allo studio la possibilità, proposta dal consigliere comunale Raffaele Trisciuzzi, di introdurre il punto come clausola risolutiva del contratto), dovrà fornire nei primi tre mesi, in collaborazione con gli uffici comunali, l'intera banca dati di tutti gli utenti. Questa sarà possibile reperirla perchè tutta la nuova dotazione di pattumiere e sacchetti di plastica, vedrà i bidoncini consegnati tutti quanti con microchip (saranno, dunque, "taggati").

Nell'idea dell'amministrazione c'è l'intenzione di eliminare, in questi due anni, il servizio porta a porta per tutto l'agro e lasciare solamente l'utilizzo delle isole ecologiche: questo potrebbe portare ad un risparmio di circa 380 mila euro. Ogni sacchetto non ritirato con il sistema porta a porta, farà risparmiare circa 28 centesimi, e poichè il costo di conferimento dello stesso presso l'isola ecologica avrebbe un costo invece di circa 15 centesimi, ne deriverebbe uno sconto di 13 centesimi per ogni sacchetto conferito presso le isole.

Passando poi alle nuove attrezzature in dotazione saranno le stesse che i cittadini avranno anche dopo la gara ARO 3 del 2020. Cambieranno invece i mezzi della raccolta, poichè per altri due anni saranno in dotazione gli stessi avuti fino a questo momento (questo ha portato ad un ulteriore risparmio).

Il sindaco Zaccaria ha sottolineato come questo tipo di disposizioni mirino a garantire la partenza (ma su questo non ci sono tempi certi, nonostante il consigliere Trisciuzzi abbia più volte chiesto maggiore sicurezza in merito) della tariffazione puntuale o di quella volumetrica. Al momento si sa solo che la nuova base d'asta avrà un valore di 80 mila euro inferiore a quella di cinque anni fa. Non ci resta che attendere il bando e di conoscere la nuova ditta che gestirà a Fasano la raccolta rifiuti.

Non sono mancate, durante la riunione, "scintille" tra il consigliere Trisciuzzi, l'ing. Cincavalli ed il sindaco Zaccaria: punto nevralgico, la raccolta puntuale, sulla quale Trisciuzzi dice di sentirsi preso in giro poiché la stessa maggioranza aveva approvato con l'opposizione una sua mozione in tal senso.

Tempo di lettura stimato: 2'

Attribuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Fasano social







Commenti recenti

  • Passiatore Giovanna

    Ci lamentiamo sempre di tutto. Ci sono strade da rifare, scuole da ristrutturare, illuminazione carente ecc.ecc. Però al divertimento non sappiamo...

    Mostra articolo