Nuovo ospedale: il Consiglio di Stato accoglie il ricorso di una delle ditte

di Redazione Go Fasano sabato, 12 maggio 2018 ore 14:39

L’ordinanza è stata emessa nella tarda serata di ieri

FASANO – Sono passate appena 48 ore dall’annuncio dato dal consigliere regionale fasanese Fabiano Amati  circa l’inizio dei lavori di realizzazione del nuovo ospedale Monopoli-Fasano (il 14 maggio la sottoscrizione dell’atto di cessione delle aree da parte dei proprietari e il 15 maggio l’avvio dei lavori di bonifica da ordigni e residuati bellici) che una notizia mina il cronoprogramma di realizzazione del nuovo nosocomio.
“Il Consiglio di Stato con l'ordinanza n. 2062/2018 – si legge in un comunicato diffuso dalla Pessina Costruzione -, emessa ieri in serata, ha accolto in parte la richiesta di appello cautelare proposto da Pessina Costruzioni rispetto alla decisione del Tar di Bari sul ricorso per l'aggiudicazione della costruzione del nuovo ospedale del sud-est barese Monopoli-Fasano, che è stata affidata dall'Asl di Bari all'Ati tra le imprese Astaldi e Guastamacchia. Opera di grande livello con un valore a base d'asta superiore a 95 milioni di euro.
 
Nello specifico, Il Consiglio di Stato, “visti i motivi di ricorso che si appuntano essenzialmente sul confronto tra le offerte tecniche della prima e dell'appellante seconda graduata”  ha accolto la domanda cautelare “ai fini della sollecita definizione del merito” da parte del TAR, che dovrà quindi fissare la relativa udienza quanto prima, in modo da non pregiudicare gli interessi di nessuna delle parti coinvolte e affinché venga verificata  la correttezza della procedura eseguita, salvaguardando anche l'interesse pubblico acchè l'ospedale sia realizzato dalla ditta concorrente più meritevole. Il Tar di Bari sarà quindi chiamato a verificare le offerte tecniche presentate dalle aziende che hanno partecipato alla gara per la costruzione dell'ospedale di Monopoli-Fasano.
 
A questo punto dell'iter di assegnazione dell'appalto – prosegue la nota -, in conseguenza della decisione del Consiglio di Stato, prudente sarebbe che l'Asl di Bari, stazione appaltante dell'opera, attenda quanto meno la decisione di merito del TAR prima di procedere ad azioni che potrebbero essere messe in discussione da parte dell'autorità giudiziaria e creare ingenti danni erariali a suo stesso carico”.
 
Tempo stimato di lettura: 30’’
 
 

Attribuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Fasano social







Commenti recenti

  • monopoli stefano

    ...incredibile realtà, zona monti-Laureto idem con patate (viale Milellla) strada in alcuni punti rattoppata dai residenti, e si, ogni anno ci si...

    Mostra articolo