La storia di Alicia, abbandonata in fin di vita tra le campagne fasanesi

di Redazione Go Fasano mercoledì, 16 maggio 2018 ore 06:10

Ancora una triste vicenda che pone l’accento sull’urgenza di combattere il fenomeno del randagismo. LE FOTO

FASANO - E’ stata ribattezzata Alicia. Si tratta di una piccola “randagia” che meno di un mese fa è stata trovata nelle campagne fasanesi mentre vagava visibilmente in un grave stato di salute. A ritrovarla una turista che soggiornava a Fasano, e che dopo svariate segnalazioni agli organi competenti, l’ha recuperata e l’ha portata nella clinica privata del dott. Giuseppe Conversano. Dovendo però ripartire il giorno dopo ha, con un disperato appello su Facebook, chiesto agli utenti se qualcuno avesse potuto prendersene cura.
 
Ad accogliere l’appello, ancora una volta, la “Quattrozampe nel cuore Onlus” di Fasano, che ha preso in carico l’animale: Alicia è malata, affetta da rogna, leishmania e insufficienza renale; a tutto ciò si aggiunge una grave anemia ed un accumulo di liquido ascitico che è costretta quotidianamente a drenare con l’aiuto dei veterinari. In clinica è stata sottoposta a tutti i dovuti accertamenti, ha subito una trasfusione di sangue ed ha iniziato le terapie: è ricoverata da circa venti giorni.
 
“Noi siamo veramente disperati ed arrabbiati – scrive l’associazione animalista fasanese alla nostra testata -. Alicia sicuramente è un cane padronale – sottolineano – perché è docile e brava, ed abbandonata molto probabilmente perché malata. Non ci sono parole per descrivere quello che si prova quando ti ritrovi di fronte a questa realtà: nel nostro paese sono stati fatti passi in avanti (soprattutto grazie al nostro impegno) riguardo al randagismo, ma vorremmo che chi di competenza ci venisse incontro.
 
Non è la costruzione di canili lussuosi – dicono gli organizzatori – che combatte il randagismo, ma serve altro. I soldi che dovrebbero essere spesi per la messa in sicurezza della struttura, tanti soldi, potrebbero essere investiti in microchippature e sterilizzazioni gratuite, con remissione sul territorio degli animali.”
 
Il cane proseguirà una terapia che aiuta la rigenerazione del midollo, un farmaco particolare che ha un costo eccessivo e che l’associazione non ha rifiutato di comprare per Alicia. Continuano intanto, incessanti, gli appelli a sostegno delle adozioni.
 
Quella di Alicia è solo una delle tante storie di abbandono.
 
Tempo di lettura stimato: 50”
 

Attribuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Fasano social







Commenti recenti

  • pastore giovanni

    Sarebbe bene anche interrogarsi sulle ragioni e sui motivi che fanno crescere il nazionalpopulismo e domandarsi quanto sbagliate siano state le...

    Mostra articolo