L'ASL attiva il protocollo operativo per eventuali ondate di caldo

di Redazione Go Fasano martedì, 3 luglio 2018 ore 05:30

Si attiva il servizio di Igiene e Sanità Pubblica del Dipartimento di Prevenzione

BRINDISI - La ASL Brindisi, attraverso il Servizio di Igiene e Sanità Pubblica del Dipartimento di Prevenzione, ha avviato il protocollo operativo interno per garantire adeguata assistenza ai cittadini in caso di ondate di calore, attraverso un coordinamento tra i Distretti Socio-Sanitari, i Presidi Ospedalieri e i Medici di Famiglia, con il coinvolgimento dei Sindaci della provincia.

Non è ancora emergenza caldo ma le temperature estive cominciano a crescere. Negli ultimi anni le estati si sono presentate spesso con temperature elevate, anche per lunghi periodi. Con il termine “Ondata da Calore” si intende indicare un periodo prolungato di condizioni meteorologiche caratterizzate da temperature elevate accompagnate a volte da alti tassi di umidità relativa ed una durata temporale di circa tre giorni.

Condizioni climatiche con temperatura esterna superiore i 32-35 gradi, quando l’alta umidità impedisce la regolare sudorazione, o quando la temperatura in casa è superiore a quella esterna, rappresentano un pericolo per tutti, ma ne risentono maggiormente alcune categorie di persone più fragili: i bambini piccoli, le persone non autosufficienti, gli anziani, le persone affette da malattie croniche come diabete, malattie cardiovascolari, insufficienza respiratoria, insufficienza renale, malattie neurologiche.

Referenti territoriali seguono costantemente la situazione meteorologica per garantire a cascata l’attivazione degli interventi socio-sanitari indicati dal protocollo operativo. E’ utile intanto far conoscere a tutti i cittadini alcuni consigli pratici per affrontare i rischi che possono derivare dalle ondate di calore.

Alcune importanti regole da seguire.

Bere molti liquidi soprattutto acqua, evitare invece bevande alcoliche, gassate o troppo fredde;
Privilegiare pasti leggeri a base di pasta, frutta e verdura;
Evitare di uscire e di svolgere attività fisica nelle ore più calde della giornata (dalle 11.00 alle 17.00);
Arieggiare l'abitazione nelle prime ore del mattino e tenere chiuse le finestre abbassando le tapparelle durante le ore più calde;
All’aperto proteggersi con un cappello e occhiali scuri;
Coprirsi quando si passa da un ambiente molto caldo ad uno con aria condizionata;
Indossare indumenti di colore chiaro e di fibre naturali come lino e cotone; evitare le fibre sintetiche che impediscono la traspirazione e possono provocare irritazioni e arrossamenti;
Bagnarsi subito con acqua fresca in caso di mal di testa provocato da colpo di calore o di sole, per abbassare la temperatura corporea;
Consultare il medico se si soffre di pressione alta (ipertensione arteriosa) e non interrompere o sostituire la terapia per propria iniziativa;
In caso di necessità rivolgersi al proprio medico di famiglia, alla guardia medica, o in caso di emergenza presso le sedi dei Pronto Soccorso, Punto di Primo Intervento - 118 consultabili a questo link https://www.sanita.puglia.it/web/asl-brindisi/pronto-soccorso.

Attenzione poi alla conservazione dei farmaci: non dovrebbero mai essere esposti a temperature superiori ai 25° C e mantenuti sempre al riparo da caldo, umidità e luce diretta. Mai lasciarli all’interno dell’auto parcheggiata. Controllare anche l’aspetto dei farmaci perché alterandosi possono presentare diverso colore, odore, consistenza.

Il Numero Verde 800 295 691 afferente all’Ufficio per le Relazioni con il Pubblico (URP) è disponibile dalle ore 9.00 alle 13.30 per ricevere le segnalazioni delle persone a rischio elevato (anziani fragili, ecc.) e fornire informazioni sui servizi disponibili sul territorio.

Visitare anche il Portale del Ministero della Salute per consultare i bollettini delle ondate di calore ed altri consigli utili http://www.salute.gov.it/portale/caldo/homeCaldo.jsp.
 

Attribuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Fasano social







Commenti recenti

  • pastore giovanni

    Sarebbe bene anche interrogarsi sulle ragioni e sui motivi che fanno crescere il nazionalpopulismo e domandarsi quanto sbagliate siano state le...

    Mostra articolo