Ombre sul nuovo ospedale? La società Astaldi in concordato preventivo per "tensione finanziaria"

di Redazione Go Fasano lunedì, 1 ottobre 2018 ore 05:30

Il Sole 24 Ore ha rivelato che una delle due società che costruiranno il nuovo ospedale ha fatto richiesta di concordato in continuità al tribunale competente

FASANO - La Astaldi S.p.a., una delle due società che costruiranno il nuovo ospedale Monopoli - Fasano, in una nota diffusa a mezzo stampa ha sottolineato che "intende avvalersi di uno strumento di gestione della crisi per superare una temporanea tensione finanziaria". E' con questa frase che il gruppo ha annunciato la richiesta presso il tribunale competente, di "concordato preventivo con riserva". Tale richiesta precede la domanda di "concordato preventivo in continuità aziendale". In parole povere è una procedura che si puo' decidere di attivare nel caso in cui una società sia in un momento di "insolvenza" o "tensione finanziaria": in questa fase il debitore (la società) mantiene l'amministrazione dei beni e può compiere le attività di ordinaria amministrazione. Per gli atti di straordinaria amministrazione, invece, occorre l'autorizzazione del giudice. Ma perchè la Astaldi ha depositato tale richiesta?

La causa è dovuta alla situazione politica turca che non permette ad oggi all'azienda di recuperare gli introiti dei lavori compiuti per la costruzione del Terzo Ponte sul Bosforo. Nulla a che fare con la costruzione del nuovo ospedale, sia chiaro, ma è lecito che alla notizia diramata dal quotidiano nazionale IlSole24Ore siano seguite richieste di rassicurazioni alla ASL di Bari che ha precisato di non avere "nessuna preoccupazione" in merito.

«Il concordato serve a prevenire problemi - ha dichiarato Antonio Sanguedolce, manager dell'Asl di Bari - e perciò seguiremo la vicenda, ma senza particolari apprensioni. Stabilire un contatto con l'azienda? Per ora non ne vediamo la necessità» ha tagliato corto il dirigente. Nella peggiore delle ipotesi infatti - ovvero di irreversibile crisi dell'azienda Astaldi - subentrerebbe la seconda società in classifica per la costruzione del nuovo ospedale: ciò però allungherebbe indubbiamente le procedure di realizzazione della nuova struttura. Non va dimenticato che la Astaldi costruirà il nuovo ospedale con la società Guastamacchia: è la stessa società che sta costruendo la nuova sede del Consiglio Regionale e che ha accumulato seri ritardi che potrebbero costare pesanti sanzioni per l'azienda stessa.

Attribuzione - Non commerciale

   
  1. pastore giovanni 1 ottobre 2018, ore 15:12

    Viene in mente l'interrogativo"COSA ACCADRA' ORA" apparso su altro quotidiano cittadino,solo qualche giorno fa,in occasione della cerimonia per l'avvio del cantiere del nuovo ospedale.E' perchè sono opere che è difficile progettare ma ancora più complicato crearle,o il timore e la preoccupazione che ci portano a sbiadire ogni cosa dello stesso genere, non essendo riusciti a debellare le solite e vecchie brutte abitudini senza cercare di crearne nuove e migliori?

Mostra tutti i commenti

Inserisci un commento


Fasano social







Commenti recenti

  • saracino francesco

    Grazie da parte mia anche alla ex amministrazione fasanese dell'allora Sindaco che, per quanto mi risulta, da dato i genitali al progetto. Di...

    Mostra articolo