Zaccaria: «Assicuro che nessun aumento della Tari è in vista»

di Redazione Go Fasano mercoledì, 31 ottobre 2018 ore 07:29

La risposta del sindaco alla nostra testata

FASANO - «Signor direttore, mi permetta la parafrasi: “Non c’è peggior cieco di chi non vuol vedere”. L’Amministrazione comunale che ho l'onore di guidare, infatti, appena ha potuto ha abbassato la Ta.Ri. a tutti. Tutti, nessuno escluso, fino ad azzerarla alle quasi ottocento famiglie più povere di Fasano. La scorsa estate, a molte di queste ultime ho consegnato personalmente, casa per casa, la cartella della Ta.Ri.: non credevano ai loro occhi» si legge nella lettera inviata dal sindaco di Fasano Francesco Zaccaria alla nostra testata, in risposta all’articolo pubblicato ieri mattina.

«Vogliamo continuare a farlo, pertanto assicuro tutti che nessun aumento della Ta.Ri. è in vista né ci stiamo pensando. Anzi – prosegue la nota - da quando è subentrata la nuova ditta il canone annuo che versiamo è sceso di 65.000 euro mensili, come correttamente riferito anche dal suo sito: ma forse lei o l’autore degli allarmi comparsi ieri non avete letto il vostro stesso articolo. Può capitare.
 
Aggiungo che la transazione con la Tradeco ci ha fatto recuperare quasi un milione e ottocentomila euro: se non lo avessimo fatto, ora diremmo addio alla maggior parte di quei soldi, che invece abbiamo risparmiato per intero, qui e ora. Certo, la percentuale di raccolta differenziata non va ignorata, ma il 5% che ci manca è recuperabile nei prossimi mesi e i primi dati raccolti dopo l'arrivo della Gialplast raccontano un'attesa inversione di tendenza. Devo però ricordare che il meccanismo è automatico: meno si differenzia più paghiamo, tutti. Quindi, chi non differenzia è nemico di se stesso, delle proprie tasche e della sua città».

Attribuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Fasano social







Commenti recenti

  • pastore giovanni

    Sarebbe bene anche interrogarsi sulle ragioni e sui motivi che fanno crescere il nazionalpopulismo e domandarsi quanto sbagliate siano state le...

    Mostra articolo