“Ciao campione!”: tributato l'ultimo saluto al calciatore Fabiano Colucci

di Redazione Go Fasano martedì, 20 novembre 2018 ore 00:30

Il giovanissimo montalbanese si è tolto la vita domenica scorsa. LE FOTO. 

MONTALBANO – Una fiumana di gente – tantissimi amici, tantissimi concittadini ma anche i suoi compagni di squadra e delle squadre nelle quali ha militato negli anni scorsi – sotto una pioggia battente ha tributato ieri pomeriggio (lunedì 19 novembre) l’ultimo saluto al 19enne di Montalbano, Fabiano Colucci, che all’alba di domenica scorsa è stato trovato privo di vita all’interno del garage della sua abitazione. Il giovane – calciatore in forza al Martina Franca - nella notte tra sabato e domenica ha deciso di togliersi la vita impiccandosi.
 
Il corteo funebre aperto da fasci e corone di fiori bianchi portati dai suoi compagni di squadra si è mosso per poco decine di metri dalla abitazione del 19enne, su via Calatafimi all’angolo con via Muzio Scevola, verso la chiesa antica della frazione.
 
A portare a spalla la bara bianca – con adagiate sopra le varie maglie da gioco con in primo piano una la casacca biancazzurra con il numero 7 e il suo nome stampato - i suoi amici della frazione oltre che i suoi compagni di squadra, mentre i compagni di classe della sorellina (che frequenta la scuola elementare della frazione) hanno accompagnato il feretro con in mano una rosa bianca, che hanno poi deposto a fine rito sulla bara, prima del lancio di palloncini bianchi che ha chiuso la cerimonia funebre. Dopo di che il feretro del 19enne è stato accompagnato presso il cimitero della frazione.
 
Ad officiare il rito religioso è stato  il parroco di Montalbano, don Gianluca Dibello.
 
“La morte di Fabiano è uno strappo doloroso che anche se un giorno sarà ricucito lascerà una cicatrice a ricordo indelebile. Quello di quest’oggi non è un addio ma solo un arrivederci - ha evidenziato nella sua omelia don Gianluca Dibello -. Gli strappi fanno male e sanguinano per molto tempo. Sono ferite che spesso devono essere ricucite ma che lasciano una cicatrice per sempre. Venti anni per noi sono pochi. E’ il periodo in cui comincia a concretizzarsi la maturità e i progetti, i sogni, gli affetti cominciano a delinearsi con più chiarezza. E per Fabiano, a 20 anni, c’erano già tante strade aperte: l’amore familiare, il calcio, i suoi amici, tanti quest’oggi non solo per dire a Fabiano arrivederci ma anche per manifestare ciò che ciascuno di noi ha nel cuore. Ciao Fabiano non vuol dire addio ma solo arrivederci. Un giorno ci rivedremo». 
 
Immenso ed indescrivibile il dolore dei genitori, del fratellino e della sorellina, dei parenti, dei tanti amici, della intera frazione dove il 19enne è cresciuto ed era conosciuto da tutti.
 
Presenti ai funerali le rappresentanze delle squadre di calcio del Martina Franca al completo, del Fasano calcio con in testa il presidente Franco D’Amico e il tecnico Giuseppe Laterza, tecnici e giovani atleti della Bs Soccer Team, società in cui il 19enne ha mosso i primi passi da calciatore e in cui milita il fratello del giovane scomparso, oltre al sindaco di Martina Franca, Franco Ancona, e al comandante della Compagnia dei Carabinieri di Fasano, il capitano Daniele Boaglio.
 
Tempo stimato di lettura: 40’’
 

Attribuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Fasano social







Commenti recenti

  • pastore giovanni

    Non entro nel merito delle opinioni politiche della maggioranza e della opposizione.Ma ,se è vero,che c'erano CONSIGLIERI COMUNALI CHE USCIVANO...

    Mostra articolo