Allerta meteo: in arrivo neve anche a quote basse

di Redazione Go Fasano giovedì, 3 gennaio 2019 ore 16:08

Nel fasanese iniziato lo spargimento di sale lungo le strade. Le raccomandazioni della Protezione civile e di Aqp.

FASANO - Per la giornata di oggi, 3 gennaio 2019 le intense correnti fredde provenienti dal Nord Europa continuano ad investire la Penisola, determinando intensa ventilazione dai quadranti settentrionali con un generale sensibile calo delle temperature e precipitazioni a carattere nevoso, fino a quote basse o di pianura, sulla Puglia.
 
Il Centro Funzionale della Protezione civile della Regione Puglia ha dichiarato un’allerta gialla per vento e neve a partire dalla sera di oggi, 3 gennaio 2019, per le successive 24 ore su tutto il territorio regionale. 
 
A Fasano da qualche ora è iniziato lo spargimento di sale lungo le strade.
 
Da ieri mattina, dopo la attivazione del Coc (Centro Operativo Comunale) da parte del sindaco Francesco Zaccaria, l’ufficio comunale di Protezione civile è al lavoro ed ha provveduto all’approvvigionamento di sale che da qualche ora e per tutto il pomeriggio verrà distribuito da mezzi di ditte incaricate dal Comune, con il supporto dei volontari di Protezione civile, lungo le strade comunali a rischio ghiaccio.
 
“Le previsioni annunciano un peggioramento del tempo: nel pomeriggio di oggi ho quindi provveduto a far cominciare lo spargimento del sale in collina – dichiara il sindaco Francesco Zaccaria -. Le località interessate per adesso sono Cocolicchio, Laureto, Lamie e Selva ma continuiamo a tenere sotto costante controllo la situazione per intervenire subito, anche altrove, non appena si renda necessario.
Ricordo il numero unico della Centro Operativo Comunale di Protezione civile, attivo da ieri per le emergenze e che vi prego di chiamare in situazioni di autentico pericolo o necessità: 0804394315. Gli appelli alla prudenza per le strade non sono mai troppi – prosegue il sindaco -: raccomando ancora di informarsi sulla percorribilità, attrezzarsi per bene e rispettare strettamente il Codice della strada.
Per evitare che si ghiaccino i tubi dell’acqua in caso di gelata, vi invito anche ad adottare le precauzioni diffuse da Acquedotto Pugliese. Grazie a tutti voi per la collaborazione e buon lavoro a tutti i volontari e gli operatori che sono già all’opera per superare questa circostanza”.
 
Intanto la Protezione Civile Regionale monitorerà gli eventi fornendo aggiornamenti in merito all’evoluzione della situazione meteorologica attesa ed in atto.
 
E la stessa Protezione civile invita ad attenersi alle raccomandazioni di seguito riportate:
 
In caso di vento forte:
 
prestare maggiore attenzione alla guida di autoveicoli e moderare la velocità, al fine di evitare sbandamenti;
evitare le zone esposte a forte vento per il possibile distacco di oggetti sospesi e mobili (impalcature, segnaletica, ecc.) E di caduta di oggetti anche di piccole dimensioni e relativamente leggeri (vasi, tegole…);
non sostare lungo viali alberati per possibile rottura di rami;
prestare attenzione lungo le zone costiere, e, in presenza di mareggiate, evitare la sosta su moli e pontili.
 
In caso di nevicate e gelate:
 
procurarsi l’attrezzatura necessaria contro neve e gelo, sia per la tutela della persona (vestiario adeguato, scarponi da neve), sia per togliere la neve dai pressi della propria casa o dell’esercizio commerciale (come pale per spalare e scorte di sale);
avere cura di attrezzare adeguatamente la propria auto, montando pneumatici da neve o portando a bordo catene da neve, preferibilmente a montaggio rapido, controllare che ci sia il liquido antigelo nell’acqua del radiatore, verificare lo stato della batteria e l’efficienza delle spazzole dei tergicristalli, tenere in auto i cavi per l’accensione forzata, pinze, torcia e guanti da lavoro;
verificare la capacità di carico della copertura del proprio stabile così da evitare che l’accumulo di neve e ghiaccio sul tetto possa provocare crolli;
non utilizzare mezzi di trasporto a due ruote e, se si è costretti a prendere l’auto, attuare queste semplici regole di buon comportamento:
liberare interamente l’auto dalla neve;
tenere accese le luci per essere più visibili sulla strada;
mantenere una velocità ridotta, usando marce basse per evitare il più possibile le frenate e prediligere l’uso del freno motore;
aumentare la distanza di sicurezza dal veicolo che precede;
in salita procedere senza mai arrestarsi, perché una volta fermi è difficile ripartire;
prestare attenzione ai lastroni di neve che, soprattutto nella fase di disgelo, potrebbero staccarsi dai tetti;
prestare attenzione alla formazione di ghiaccio sia sulle strade che sui marciapiedi, guidando con particolare prudenza.
 
 
Queste, invece, le raccomandazioni di Acquedotto Pugliese per proteggere i contatori e per evitare i danni causati dal gelo.
 
I contatori a più alto rischio di rottura per il gelo sono quelli all’esterno dei fabbricati, in locali esposti alla temperatura esterna o in case utilizzate raramente. 
 
Questi i  consigli utili per proteggere dal gelo i contatori:
 
1) Coibentare la porta delle nicchie. In presenza di contatori ubicati in nicchie esterne ai fabbricati, in locali non riscaldati o non abitati, assicurarsi che la porta del vano contatore sia sempre ben chiusa e priva di aperture per la ventilazione. La porta della nicchia va rivestita internamente di materiale isolante/protettivo, come ad esempio polistirolo o poliuretano espanso, facilmente reperibili presso rivenditori di materiale edile. Per isolare in modo efficace, lo spessore dei pannelli deve essere di almeno 2,5 cm. 
 
2) Coibentare il vano contatore. In presenza di contatori ubicati all’esterno dei fabbricati, in locali non riscaldati o non abitati, è consigliabile coibentare le pareti del vano contatore con lo stesso materiale utilizzato per le porte delle nicchie (polistirolo o poliuretano espanso). 
 
3) Coibentare il contatore. In presenza di contatori esposti a temperature esterne, è consigliabile coibentare anche i contatori e le tubazioni di raccordo, utilizzando gli stessi materiali isolanti: polistirolo, poliuretano espanso o materiali simili. Si raccomanda di non utilizzare lana di vetro o stracci per avvolgere il contatore o le tubazioni di raccordo, poiché questi materiali, assorbendo umidità, possono addirittura peggiorare il rischio di rottura per il gelo. 
 
4) Rendere accessibile il quadrante. La protezione adottata deve in ogni caso lasciare scoperto il quadrante delle cifre, per consentire la lettura del contatore agli incaricati di AQP. 
 
5) Chiudere il rubinetto a valle del contatore nelle case disabitate. In presenza di contatori ubicati all’esterno di fabbricati o case non abitate nei mesi invernali, è consigliabile chiudere il rubinetto a valle del contatore AQP e provvedere allo svuotamento dell’impianto interno (non di competenza di AQP). 
 
AQP ricorda che i clienti sono responsabili della corretta custodia del contatore e, in caso di rotture o danni, sono invitati a darne immediata comunicazione alla Società telefonando al numero verde del pronto intervento 800.735.735, attivo 24 ore su 24 tutti i giorni dell’anno.
 
Tempo stimato di lettura: 2’
 

Attribuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Fasano social







Commenti recenti

  • pastore giovanni

    Non è obbligatorio rispondere alle accuse di avversari politici.Ma per problemi importanti la mancanza di smentite e chiarimenti è un limite posto...

    Mostra articolo