Suicidio alla Stazione, la vittima è un 50enne fasanese: ritrovata l'auto

di Redazione Go Fasano lunedì, 19 marzo 2018 ore 13:35

Gli accertamenti sono ancora in corso

FASANO - E' un fasanese sulla cinquantina (non è dato ancora sapere l'età precisa) l'uomo che ha deciso ieri, domenica 18 marzo, di farla finita presso lo scalo ferroviario fasanese lanciandosi contro un Frecciabianca in corsa verso Lecce. L'uomo, molto conosciuto in città, libero professionista, aveva una croce di legno con sè e la sua tessera sanitaria: è grazie a questi due elementi che le forze dell'ordine sono riuscite a risalire all'identità della vittima.

Attorno alle 16.48 di ieri, mentre camminava sulla banchina del binario 3 dello scalo ferroviario, e mentre il Frecciabianca era in procinto di giungere ed attraversare la stazione per proseguire la sua corsa verso Lecce, il fasanese ha deciso di saltare sui binari: a nulla sono servite le urla dei passeggeri presenti che lo invitavano ad evitare l'insano gesto. L'uomo è stato preso in pieno, nonostante il macchinista (poi assistito per un malore) abbia tentato una frenata d'emergenza, e trascinato per alcune centinaia di metri: inefficace la manovra del capotreno, purtroppo, troppo vicino per tentare l'arresto. Gli uomini della Scientifica hanno effettuato un lungo lavoro per riconoscere la vittima e ricostruire l'accaduto.

Il corpo è stato trasportato ad Ostuni. La Polizia Ferroviaria ha ritrovato l'auto dell'uomo, posteggiata nel luogo antistante l'ingresso dello scalo ferroviario, ulteriore elemento che ha ricondotto all'ormai certa identità del 50enne fasanese.

Tempo di lettura stimato: 30"

Attribuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Fasano social







Commenti recenti

  • pastore giovanni

    Ci ritroviamo sempre di fronte a immagini che ci regalano spettacoli di vandalismo che non vorremmo più vedere.Sarà ormai la malattia della nostra...

    Mostra articolo