Una targa per ricordare Anna Teresa Stella

di Alfonso Spagnulo venerdì, 3 giugno 2011 ore 00:23
Eroina fasanese uccisa nell'aprile del 1799

FASANO – Una targa per una eroina fasanese. Domani (sabato 4 giugno), alle 19, nella Sala di rappresentanza del Palazzo municipale, a Fasano, si terrà una cerimonia (rientrante nei festeggiamenti del 150° dell’Unità d’Italia) distinta in due momenti. L’iniziativa, organizzata dal Comune di Fasano, si aprirà con la presentazione del volume dell’avvocato fasanese Italo Gentile, “L’Albero della Libertà”. Interverranno gli avvocati Pinuccio Cisternino, Orazio Ferrara, Pietro Dell’Anno, oltre allo stesso autore. Subito dopo, il sindaco Lello Di Bari scoprirà, in piazza Ciaia, la targa in marmo in memoria di Anna Teresa Stella (la protagonista del libro di Gentile), martire di origini tranesi, divenuta cittadina fasanese dopo il matrimonio con il fasanese Lorenzo Goffredi, trascinata in piazza Ciaia il 27 aprile del 1799 e barbaramente uccisa sotto la statua della “Madonna del Pozzo”.

«Per Anna Teresa Stella la Repubblica era un valore sublime e, per i suoi ideali, fu uccisa – spiega il sindaco Lello Di Bari -. Questa è la ragione che ci ha spinti a volere una targa in marmo da posizionare proprio nel punto della centralissima piazza Ciaia dove trovò la morte. Anna Teresa Stella è un’eroina che merita di essere ricordata per sempre come figura di donna coraggiosa, forte e impegnata a difendere i valori della libertà e della Repubblica». Ignazio Ciaia, fasanese e presidente della Repubblica Partenopea del 1799, appresa la notizia della tragica morte di Anna Teresa Stella, inviò una lettera ai famigliari in cui definì la donna “Martire santa, glorioso vessillo di libertà e giustizia sociale”. Sulla targa commemorativa che il sindaco Di Bari scoprirà questo sabato 4 giugno è inciso il seguente testo: “Il 27 aprile 1799 qui cadde barbaramente assassinata dalla canaglia reazionaria borbonica Anna Teresa Stella creatura eccelsa glorioso vessillo di libertà e giustizia sociale. Memore e commossa la patria pose nell’anno 2011”. 


Tempo stimato di lettura: 59"       

Attribuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Fasano social







Commenti recenti

  • pastore giovanni

    Non entro nel merito delle opinioni politiche della maggioranza e della opposizione.Ma ,se è vero,che c'erano CONSIGLIERI COMUNALI CHE USCIVANO...

    Mostra articolo