Presentato a Fasano “Caffè amaro”

di Redazione Go Fasano domenica, 20 novembre 2016 ore 09:37

Iniziativa dell’Istituto Alberghiero. LE FOTO.

FASANO – Nei giorni scorsi, gli studenti dell'Istituto Alberghiero “Gaetano Salvemini” di Fasano, coordinati dalle docenti di lettere Angelica Brunetti e Angela Ranieri Dellino, hanno ospitato la scrittrice Simonetta Agnello Hornby che ha presentato il suo ultimo romanzo “Caffè amaro” di Feltrinelli editore.
 
Il libro, uscito in Italia a settembre, è stato oggetto di attenta lettura e analisi da parte dei ragazzi che spinti da curiosità, emozioni e tante domande hanno organizzato l'incontro iniziato con un video in bianco e nero che ha tenuto insieme presente e passato della vita della scrittrice.
 
Alessia,Antonio, Maria Cristina, Giuseppe,Sara,Iris,Anna, Enza,Angelo,Noemi, Angelica, Claudio, Donato,Iris, Leo, Chiara, Angela e Valeria: questi alcuni dei ragazzi che hanno letto brani significativi del romanzo per poi chiedere alla Hornby il perché di quelle scelte.  L'amore, la famiglia, la casa, la mafia, le farfalle, il caffè e le parole sono stati i temi che hanno incuriosito gli alunni. Per ciascuno di essi la scrittrice ha spiegato quale valore aveva voluto far emergere o quale sentimento voleva trasmettere. 
 
In un passaggio iniziale sul ruolo delle donne nel libro, ha affermato :" Ho voluto descrivere fimmine sagge, ma anche cattive e invidiose così come per gli uomini, per creare sempre un equilibrio tra di loro". Il dialogo è stato sempre arricchito da parole siciliane utilizzate con quella naturalezza e spontaneità che solo i grandi scrittori sanno fare e ai quali, soltanto, si riesce a perdonare le incursioni dialettali.
 
Le parole, filo conduttore, della intensa conversazione sono state sapientemente illustrate sui manifesti  realizzati per l' occasione da Maria D'Amico.
 
La scrittrice siciliana, ormai londinese di adozione, è stata accolta in Sala Agape da una tavola "conzata" con i dolci che la famiglia Agnello offriva ai propri ospiti nella casa di Mosè:cotognata, crostate, pan di spagna,  pasticciotti e il caffè 'u parrinu. Queste e altre ricette  contenute in un precedente romanzo autobiografico “Un filo d'olio” (Sellerio editore) sono state studiate per poi essere realizzate dagli alunni guidati dalle docenti Pasqua Pepe e Giusy Ligorio e con la preziosa collaborazione della sig.ra Margherita Zizzi.
 
I saluti istituzionali sono stati fatti dal vicario dell'Istituto “Salvemini” Giovanni Legrottaglie che, nel ringraziare l'avv. Agnello Hornby, ha sottolineato l'impegno e l'entusiasmo  ammirevoli degli alunni.
 
Tempo stimato di lettura: 40’’
 

Attribuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Fasano social







Commenti recenti

  • cofano annarita

    grazie x questo interessante articolo, avete scritto tutti i recapiti da uilizzare ma non avete messo il link del cup, gentilmente potete...

    Mostra articolo
  • Pantaleo Pietro

    È inutile commentare quando per compiacersi certi amici non si pubblica quello non in linea con dictat di chi vi comanda. Complimentu.

    Mostra articolo



Login

Se non sei iscritto, registrati subito!