“Senti chi parla” in scena per Fasanoridens 2017

di Redazione Go Fasano giovedì, 23 febbraio 2017 ore 07:49

Secondo appuntamento con la rassegna di teatro organizzata dal Gruppo di Attività Teatrali “Peppino Mancini”

FASANO- “Senti chi parla” è la nuova esilarante proposta di “Fasanoridens 2017”, la rassegna di teatro organizzata dal Gruppo di Attività Teatrali “Peppino Mancini” presieduto da Antonietta Mancini. La brillante commedia in due atti, scritta da Derek Benfield adattata da Fabiano Marti che ne firma anche la regia con il supporto di Monica De Giuseppe, andrà in scena il prossimo 26 febbraio al Teatro Sociale. Il cast è composto da Tonia Argento, Monica De Giuseppe, Piero Di Nanna, Daniela Iachetti Amati e Gerry Moio; scenografia a cura di Domenico Gazzo e Melania De Mola; costumi di Tonia Argento e luci e audio di Mario Di Bari.

Di seguito la trama. Una coppia, dedita all’alcol e alle facili scappatelle, decide di passare un tranquillo fine settimana nella casa di campagna. A loro insaputa si presentano i rispettivi amanti, decisi fermamente a interrompere l’idillio familiare. Come giustificare allora la presenza di ciascuno dei due all’altro? Perché i due coniugi sono traditori e traditi allo stesso tempo, quindi accusati e accusatori. Che fare? Come uscirne? Andare ognuno per la sua strada o decidere, in stile rigorosamente british , per un non luogo a procedere in cui nulla cambia e gli “errori” si annullano? “Senti chi parla” ci farà ridere, perché nessuno è più divertente di chi, arrampicandosi sugli specchi, cerca di negare l’evidenza dei fatti.

Ingresso ore 18.30. Sipario ore 19.00. Per informazioni: 349.8241088 – 347.4530371.

Tempo stimato di lettura: 30''


 


 

Attribuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Fasano social







Commenti recenti

  • Ciaccia Daniele

    E' vero, ci sono troppi irresponsabili che un per motivo incomprensibile, sporcano questa "meravigliosa città", la sola vista di tutta questa...

    Mostra articolo
  • pastore giovanni

    Ma si ripete sempre più spesso questa situazione allarmante figlia del NO culturale e non di quello politico.Leggi comunali,decreti,multe per i...

    Mostra articolo



Login

Se non sei iscritto, registrati subito!