Festeggiata ieri la Madonna del Pozzo

di Redazione Go Fasano venerdì, 21 aprile 2017 ore 16:50

Patrona della Città di Fasano. LE FOTO. 

POZZO FACETO – La tradizione si è rinnovata ieri, giovedì 20 aprile, a Pozzo Faceto.
 
Come da tradizione il primo giovedì dopo Pasqua si tengono, presso il Santuario di Pozzo Faceto, i festeggiamenti in onore della Patrona della città di Fasano: la Madonna del Pozzo.
 
Intenso il programma sia civile che religioso, messo a punto dal parroco don Luigi Bianchessi e dal Comitato Festa Patronale, presieduto da Michele Gallo.
 
Dopo il triduo di presieduto da don Carmelo Semeraro, cancelliere della Diocesi di Conversano-Monopoli, giovedì mattina, giornata solenne dei festeggiamenti, sono iniziati i pellegrinaggi con la Messa con i pellegrini di Montalbano, e a seguire con i pellegrini di Speziale, e alle ore 11.00 è stata celebrata la Santa Messa solenne presieduta sempre da don Carmelo Semeraro. 
 
Nel corso della solenne celebrazione, alla presenza della autorità civili, militari e religiose, si è rinnovata la tradizione: il sindaco di Fasano Francesco Zaccaria ha offerto in dono alle Vergine il cero votivo e le chiavi della città. 
 
Al termine della santa Messa, si è snodata per le vie della frazione la solenne processione con l’immagine della Vergine.
 
In pomeriggio, poi, sono ripresi i pellegrinaggi con i pellegrini di Torre Canne, di Pezze di Greco e di Fasano.
 
La pioggia, poi, ha anticipato la chiusura dei festeggiamenti con lo spettacolo di fuochi pirotecnici,anticipato alle ore 21.30 proprio a causa del maltempo.
 
Tempo stimato di lettura: 40’’

Attribuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Fasano social







Commenti recenti

  • saracino francesco

    come diceva il grande TOTO" : ma mi faccia il piacere!!!! Signori organizzatori la prossima volta invitate talenti della nostra terra.

    Mostra articolo
  • pastore giovanni

    Non resta che unire la nostra indignazione e la nostra rabbia a quelle del Sindaco giustamente sempre più scoraggiato,ma che non demorde per...

    Mostra articolo



Login

Se non sei iscritto, registrati subito!