Un successo la “prima” della settima commedia inedita in vernacolo montalbanese

di Redazione Go Fasano sabato, 29 luglio 2017 ore 10:39
Ieri sera è andata in scena “La famiglia Bellasega” nell’ambito della fes. LE FOTO.
 
MONTALBANO – Ancora una volta, per il settimo anno consecutivo, i componenti della Associazione teatrale amatoriale in vernacolo e non “Gli Amici di Giùàannèedd” hanno stupito e fatto divertire tantissimo pubblico, accorso ieri sera (28 luglio) in piazza della Libertà a Montalbano per assistere alla presentazione della commedia in vernacolo montalbanese “La famiglia Bellasega”.
 
Si tratta della settima commedia frutto della fantasia del regista Piero Sabatelli e portata in scena dai bravissimi componenti della Associazione teatrale “Gli Amici di Giùàannèedd”, guidata da Mina Schiavone.
 
La commedia è andata in scena per la prima volta ieri sera nell’ambito della festa patronale di Montalbano.
 
L’opera “La famiglia Bellasega” tratta di una storia ambientata a cavallo tra il 1960 e il 1970. 
Cìicc, Gìùuàann e Sàabbèedd (Francesco, Giovanni e Isabella) sono tre fratelli scapoli benestanti agricoltori, che hanno ereditato la loro proprietà (ancora indivisa) dai defunti genitori.  Sàabbèedd, dell’età di 54 anni, faceva la casalinga.  Gìiùuàann, di 55 anni, da ragazzino aveva fatto il pastore mentre da grande era diventato un bravo coltivatore, ed aveva dedicato la sua vita al lavoro e alla casa.  Cìicc, di 35 anni, era il più piccolo dei fratelli. 
Quando i loro genitori muoiono, Sàabbèedd e Gìiùuàan si prendono cura di Cìicc che era ancora ragazzino lui, lo fanno diplomare e dopo il diploma Cìicc  aiuta, o fa finta di aiutare, il fratello nell’azienda di famiglia.  Il tempo passa ma nessuno dei fratelli pensa ad un piccolo Bellasega.
Intrighi e pettegolezzi rendono questo racconto appetibile tra mille equivoci e tanti aneddoti di vita quotidiana. 
 
“Noi siamo sempre più convinti – ha evidenziato nella apertura della serata la presidente del sodalizio Mina Schiavone - che parlare il dialetto non è maleducazione ma è amore per le proprie origini, e saperlo parlare è arte”.
 
Una commedia che ha davvero divertito le svariate centinaia di persone presenti, che hanno potuto apprezzare davvero il grande lavoro portato avanti dalla Associazione teatrale amatoriale in vernacolo e non “Gli Amici di Giùàannèedd”, di valorizzazione del dialetto e di recupero delle tradizioni, degli usi, dei costumi della cultura contadina locale.
 
Questi i protagonisti della commedia andata in scena ieri sera: Mina Schiavone (Sàabbèedd), Olga Chirico (Cuma Marè), Valentina Pugliese (Dorotea e Comasia), Katia Semeraro (Giulia), Antonietta Guarini (Grazia), Angelica Natola (voce fuori campo),  Franco Calamo (Cìicc), Donato Laviola (don Salvatore), Domenico Natola (Gìiùuàan), Pietro Nardone (Giggett), Giuseppe Semeraro (Dunet), Piero Sabatelli (Niccol).
 
La festa patronale continua stasera e nei prossimi giorni.
 
Questo il programma dei festeggiamenti:
 
Questa sera (sabato 29 luglio) alle ore 19 sarà celebrata la santa Messa nella chiesa di Via Duca Degli Abruzzi e a seguire si terrà la processione in onore della Beata Vergine del Carmine, che dopo aver percorso le strade principali e la piazza della frazione  ritornerà nella chiesa di Via Calatafimi e si terrà la accensione di fuochi pirotecnici. Sempre sabato 29 luglio alle ore 21 in Piazza della Libertà si terrà il concerto de “I Moday Tribute Band Modà”. 
 
Domani, domenica 30 luglio, alle ore 8 in Via Calatafimi si svolgerà il “Mercatino del Carmine”; alle ore 18.30, invece, partirà la solenne processione in onore di Maria Santissima del Pozzo con partenza dalla Chiesa di Via Duca Degli Abruzzi e arrivo in Piazza della Libertà dove si terrà la celebrazione eucaristica; dopo la santa Messa la processione si ricomporrà e raggiungerà la chiesa parrocchiale dopo di che si terrà la accensione dei fuochi pirotecnici. Alle ore 22 di domenica 30 luglio è in programma, poi, il Concerto bandistico “Città di Palazzo San Gervasio”, e alle ore 24 i festeggiamenti della domenica saranno conclusi dallo sparo dei fuochi pirotecnici. 
 
Lunedì 31 luglio, ultimo giorno dei festeggiamenti, alle ore 18.30 è in programma il rosario meditato e a seguire la celebrazione Eucaristica nella chiesa parrocchiale di Via Duca degli Abruzzi. Alle ore 21.30 in piazza della Libertà si terrà la premiazione dei vari tornei, e alle ore 22 si terrà il concerto di Bianca Atzei.
 
 
Tempo stimato di lettura: 2’ 20’’
 

Attribuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Fasano social







Commenti recenti

  • Dibiase Giovanni

    mentre a Fasano, in via Bari Evoli siamo stati al buio per tutta l'estate.

    Mostra articolo
  • pastore giovanni

    Fatti e situazioni noti da tempo ma rimasti dormienti fino a questa denuncia a dir poco scandalosa.Un pezzo di città abbandonato a se stesso,un...

    Mostra articolo



Login

Se non sei iscritto, registrati subito!