Via Crucis vivente: la passione di Cristo ripercorsa tra le strade di Fasano

di Redazione Go Fasano giovedì, 29 marzo 2018 ore 07:00

Si è svolta ieri, mercoledì 28 marzo, l'evento dell'Anspi LE FOTO

FASANO - Si è svolta ieri, mercoledì 28 marzo, con partenza dal sagrato della chiesa di Sant’Antonio, la Via Crucis vivente organizzata dall’Anspi “Don Nicola Carbonara” dell’Oratorio del fanciullo col patrocinio del Comune di Fasano. Diretta da Fiorenzo e Annalisa Marsella, la rappresentazione è stata messa in scena da 65 figuranti e, per la prima volta, è stata accompagnata da musica dal vivo a tema sacro interpretata dall’associazione culturale musicale “Ignazio Ciaia” del maestro Silvestro Sabatelli e dai “Timpanisti Fajanensis” presieduti da Oronzo Bernardis, con voce di Maria Teresa Maggi.
 
La toccante rappresentazione degli ultimi momenti della vita di Gesù Cristo, ha poi percorso via Vittorio Emanuele per la terza e quarta stazione, in piazza Ciaia per la quinta e sesta stazione, in via Carlo Alberto per la settima stazione, in via San Francesco per le restanti stazioni fino al sagrato della chiesa di San Francesco da Paola per la crocifissione e la resurrezione di Gesù Cristo, interpretato dal fasanese Antonio Rotondo. Il tema di quest’anno voluto dalla diocesi Conversano-Monopoli di cui fa parte Fasano, è stato “Or ascolta…. chi dite che io sia?”, frase pronunciata da Gesù ai suoi discepoli ed alla gente che lo seguiva.
 
Hanno interpretato la Via Crucis: Isa Tedesco (lettore), Giovanni Spadintessa (Giovanni), Giuseppe Olive (Giacomo), Grazia Olive (Marta), Maria Teresa Maggi (Maria), Mimmo Vinci, Franco Spalluto, Peppino Carrone, Antonio e Riccardo Longo (discepoli), Mariella Fasano (Maria madre), Simona Marsella (Maddalena), Mina Carucci (donna), Annalisa Marsella (Maria di Cleofa), Angelo Cincavalli (Andrea), Angelo Cofano (Bartolomeo), Pasquale Armante (Giuda), Ronni Colucci (Tommaso), Gino Nistri (Pietro), Paolo Lorusso (1° Sacerdote), Vito Orlando (2° Sacerdote), Giovanni Latartara (3° Sacerdote), Gino Crescenzo (Caifa), Giovanni Ruggieri (Pilato), Assunta Nistri (Claudia), Saverio Lomartire (Barabba), Egidio Rotondo, Nicola Corbascio, Ciccio My, Vito Lisi, Oronzo Cisternino, Alessio Maggi (Soldati Romani), Nico Vinci (Centurione), Imma Valentini(Veronica), Ambrogio Laguardia (Cireneo), Antonio Laguardia (Bambino), Giuliana Angelini (Moglie), Palmino Quaranta (1° ladrone), Giuseppe Ruggieri (2° ladrone), Stefano D’Amico(Discepolo di Emmaus), Lino Lomartire, Uccio Maggi, Leo Renna (Carnefici), Tommaso Semeraro, Paolo Orlando, Angelo Tinella, Damiano Legrottaglie (Soldati Ebrei), Gino Fasano (Soldato con cavallo), Nicoletta ed  Elio Zita, Rossella D’Angelo, Monica Rotondo, Angela Sciatti, Rossella Fasano, Carolina Cisternino, Antonietta Mirabile, Gioele Di Leo, Felice Di Leo,  Angelica e Roberto Palmisano, Vitina Palmisano (Folla).
 
L'evento ha visto come grafico Ivan Campanella, come scenografi Antonella Schiavone, Leo Renna, Dino Cascione, come costumiste Antonietta Mirabile, Mariateresa Giannoccaro, Grazia Lorusso, come tecnici Francesco Rotondo, Vito Rubino, come suggeritrice Lory Lisi e come protezione civile Angelo Passiatore.  
 
Ancora un importante momento di tradizione per la città di Fasano che ogni anno, specialmete durante la settimana Santa, riesce a relagare cultura, fede, spettacolo ed emozioni.

Fotoservizio a cura di Mario Rosato. Tutte le altre immagini sono disponibili sul nostro canale Facebook.
 
Tempo stimato di lettura: 1’

Attribuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Fasano social







Commenti recenti

  • del vecchio gianni

    ordinanza tardiva ( l'estate inizia il 21/6) e non esaustiva. Mi dica, infatti, Sig. Sindaco come si deve comportare un direttore di un locale che...

    Mostra articolo