Questa sera l'UTL di Fasano omaggia l'artista Ferdinando Schiavone

di Redazione Go Fasano giovedì, 5 aprile 2018 ore 06:05

Un giovedì "culturale" organizzato presso i Portici delle Teresiane

FASANO - Questa sera, giovedì 5 aprile, alle ore 18, nella sala convegni dell'UTL (Portici delle Teresiane, Fasano), la locale Università del Tempo Libero di Fasano dedicherà un Giovedì culturale all'artista conterraneo Ferdinando Schiavone: relatore sarà l'avv. Giovanni Quaranta.
 
«L'Università del Tempo Libero - dichiara la presidente, prof.ssa Palmina Cannone - con i “Giovedì culturali”, fulcro del Progetto “Fasanesità”, vuole rendere un debito tributo alle eccellenze cittadine di ieri e di oggi, che hanno dato o danno lustro alla città. L'obiettivo è recuperare e rivivere i segni, che alcuni personaggi hanno lasciato o lasciano incisi sulle pagine della storia patria. Attraverso il loro modus vivendi e operandi l'UTL ripercorre le tappe salienti delle profonde trasformazioni, che hanno cambiato l'Italia e Fasano sul piano antropologico, socio-culturale, etico, politico-economico.
 
In questo ventesimo anno dalla sua fondazione, l'Associazione omaggia Ferdinando Schiavone, uno dei “quattro” pittori Fasanesi dell'Ottocento che, insieme ai fratelli Beniamino e Tommaso Bianco, e Damaso Bianchi, ha lasciato dei capolavori. L'arte – continua la presidente - trasmette le più elette e irripetibili emozioni a cui gli uomini possono assurgere, per dirla con Tolstoj. Ferdinando Schiavone ha lasciato in eredità a tutti noi un patrimonio di sensazioni e sentimenti. Dalla sua tavolozza si irradiano forme e colori, che diventano luci e ombre nel giardino poetico dell'anima».
 
Ferdinando Schiavone nasce a Fasano il 27 maggio 1862. Studia pittura a Napoli alla Scuola del Morelli e del Toma. A Monopoli apprende l'arte di decoratore dal maestro Ignazio Perrucci. Nel 1912 emigra in Argentina, ove si fa apprezzare per le sue capacità. Decora tanti palazzi e pubblici edifici , tra cui il Teatro Municipale di Mendoza. Consegue il riconoscimento più importante del suo talento artistico: il primo premio dell'Accademia S. Bonaventura di Mendoza. Nel 1920 ritorna nella natìa Fasano, ove continua la sua attività, dipingendo ritratti e paesaggi.
 
Suoi affreschi adornano i palazzi Colucci e Riccardi, le case signorili, tra cui quella Cannone (già Di Tano-Pezzolla), le chiese Matrice, l'Assunta e S. Francesco da Paola. La pittura di Schiavone è debitrice del Toma e di tutta la scuola di Posillipo, specie nei paesaggi campestri. Per l'occasione l'UTL ha pubblicato un “Quaderno culturale” dedicato a Ferdinando Schiavone, curato dall'avv. Giovanni Quaranta. Un gioiello sia per il contenuto superlativo, impreziosito da un bell'apparato iconografico, sia per l'elegante veste tipografica, griffata Ventrella.

Tempo di lettura stimato: 50"

Attribuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Fasano social







Commenti recenti

  • pastore giovanni

    Ci ritroviamo sempre di fronte a immagini che ci regalano spettacoli di vandalismo che non vorremmo più vedere.Sarà ormai la malattia della nostra...

    Mostra articolo