La creatività della musica improvvisata con il festival "Clockstop 2018": via alla quarta edizione

di Marisa Cassone venerdì, 4 maggio 2018 ore 05:45

La manifestazione è stata presentata ieri mattina in conferenza stampa.

FASANO - Creatività, unicità e sorpresa sono solo alcuni degli elementi base di Clockstop, il meeting Internazionale di Musica Improvvisata che si terrà a Fasano il 5 e 6 maggio, nel Chiostro dei Minori Osservanti.

Giunta alla sua quarta edizione, la manifestazione è stata presentata ieri mattina, giovedì 3 maggio, nella Sala di Rappresentanza del Comune di Fasano alla presenza dell’assessore alla cultura Annarita Angelini, del direttore artistico Marcello Magliocchi dell’Associazione Culturale White NoiseGenerator e degli altri partner dell’evento quali Eliogabalo Circolo Arci Fasano e TrackZero Music Innovation Lab.

«Siamo molto orgogliosi di aver ospitato questa manifestazione – ha dichiarato l’assessore Angelini – ciò che mi emoziona è l'hic et nunc legato al suono, emozione uditiva che nasce dal concetto stesso dell'improvvisazione».
 
Si tratta quindi di un incontro tra musicisti internazionali attivi nellʼambito della ricerca sonora e dell’improvvisazione. I concerti, aperti al pubblico e ad ingresso gratuito, vedranno la partecipazione di artisti provenienti da Argentina, Inghilterra, Germania, Francia, Belgio e Italia. 
 
«Il fine è quello di comporre musica e stare insieme – ha aggiunto il direttore artistico Magliocchi - Oggi otteniamo una codificazione di linguaggi musicali che hanno dei loro risvolti nel sociale. Suoni casuali, organizzati, interiorizzati e poi portati fuori, che si possono ritrovare nel quotidiano. Il dialogo diventa frutto della propria esperienza. Ospitiamo illustri musicisti, punta dell'iceberg di un movimento mondiale: imparare ad ascoltarli e ad ascoltare è molto importante per oggi e per il domani».

Presente alla conferenza stampa anche l’artista belga Willy Van Buggenhout: «È la quarta volta che partecipo e il livello è sempre più alto. Ritrovo un incontro in cui nasce una musica unica e aperta. Non esiste spartito, i musicisti sono tutti compositori del momento stesso dove uno strumento può essere suonato anche nei modi meno convenzionali, sfruttandone ogni potenzialità».
 
Un incontro che permetterà una sorta di ibridazione tra i linguaggi.

Gli artisti che si esibiranno sono: Marcello Magliocchi (IT), Marco Malasomma (IT), Luca Antonazzo (IT), Diego Mune (RA), Bernadette Zeilinger (AT), Phil Gibbs (UK), Vanessa Pettendorfer (D),  Guy Frank Pellerin (FRA), Adrian Northover (UK),  Daniel Thompson (UK), Benedict Taylor (UK), Joao Pedro Viegas (PT), AlenGrassi (IT), Luca Borsetti (IT), Willy Van Buggenhout (BE), Jean Michel Van Schouwburg (BE), Jean Demey (BE), Domenico Saccente (IT), Carlo Mascolo (IT), Felice Furioso (IT), Yoram Rosilio(FRA/MAR), J.J.Duerinckx (BE), Bruno Gussoni (IT).

Di seguito il programma:
 
venerdì 4 maggio, ITET ‘Salveminiʼ (Fasano).
Incontro condotto da Jean-Michel Van Schowburg e Marcello Magliocchi, direttore artistico di Clockstop. L’incontro verte sulla conoscenza e informazione circa il fenomeno della musica improvvisata (sua storia ed evoluzione), interpreti, modalità esecutive con esempi vocali che coinvolgeranno gli studenti presenti, implicazioni sociali della pratica della musica improvvisata;
 
sabato 5 maggio, Chiostro dei Minori Osservanti.
– 16.00 / 18.00 session pomeriggio;
– 20.00 / 22.30 sessione sera;
 
domenica 6 maggio, Chiostro dei Minori Osservanti.
– 10.00 /12.30 session mattina;
– 16.00 /18.00 session pomeriggio;
– 20.00 /22.30 session sera;

Tempo stimato di lettura: 40''

 

Attribuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Fasano social







Commenti recenti

  • Vinci Franco

    Bene e l'inizio dei lavori sulla 172,è per quanto riguarda l'uscita cucine pinto,che provvedimento verrà preso dato che è un uscita e un entrata...

    Mostra articolo