E' Stefano Labbate il nuovo presidente del Club Lions "Fasano Host"

di Redazione Go Fasano domenica, 1 luglio 2018 ore 06:00

La cerimonia si è tenuta lo scorso 29 giugno

FASANO - «Quando sono stato designato presidente mi sono bruciato una battuta con la quale avrei dovuto iniziare questo mio primo intervento. La ripeto per chi non fosse stato presente, cioè ai più: “È giunto il momento tanto atteso... dagli altri”. Sarò breve... però è meglio che vi mettiate comodi». E' così che Stefano Labbate, nuovo presidente del Club Lions "Fasano Host", ha aperto la cerimonia di passaggio delle consegne, presso il ristorante "Il Fagiano" a Selva di Fasano.

«Nella succedersi della vita del Lions Club Fasano Host, eredito la guida del sodalizio dalle mani del presidente, consapevole del quotidiano impegno che tale ruolo comporterà.

Sig. Past Governatore, sig. Delegato di zona, soci Lions, autorità civili e militari e graditi ospiti, consentitemi, come primo atto, di rivolgere il mio personale ringraziamento e quello di tutto il club che, da questo momento mi onoro di rappresentare, a Giampiero Lozupone che mi ha preceduto, ringraziare, inoltre, la sua infaticabile e dolce consorte Michela, nonché il piccolo Davide, sul cui futuro lionistico non dubito minimamente.

Mi piace ringraziare Giampiero per l'impegno e la passione profusa durante il suo mandato, svoltasi nel rispetto del dettato lionistico, attento ed agile nelle intuizioni, affrontate con eccelsa professionalità e scegliendo tematiche al passo con i tempi.

È stato il suo un brillante percorso tra escursioni fotografiche, tentando improbabili raccolte di funghi, dibattiti su tematiche di estremo interesse, festa di carnevale ospiti dei gentilissimi e sempre disponibili Franca e Bebè, oltre ad indagini su di un delitto mentre si sta a cena, da fare invidia ai più celebri autori del settore... ed altro ancora. Non ho fatto la gavetta Leo in quanto sono entrato nel sodalizio Lions a "lavori in corso", affiancando amici che mi hanno letteralmente "spinto" in questo mondo fatto di solidarietà e condivisione.

Non me ne vogliate se, molto probabilmente, commetterò errori nel mio agire, come è inevitabile che sia nel genere umano, ma soprattutto, per effetto della mia breve esperienza lionistica. Non ci sono ricette particolari per cercare di fare bene, certo però che un ingrediente indispensabile è il sostegno della famiglia Lions oltre quello della mia famiglia, in particolare di mia moglie Antonella sempre al mio fianco, mentre i miei figli, che hanno intrapreso la loro strada professionale lontano dalla loro terra di origine, sono certo sapranno dare il loro prezioso apporto. Mia figlia Mariagrazia, impegnata a sostenere la causa culturale ed architettonica dei Gonzaga, saprà regalarmi spunti d'arte italiana eccelsa.

Mio figlio Dionigi Matteo potrà suggerirmi argomenti di meccanica automobilistica dalla capitale dell'auto italiana. Credo, quindi, nel gioco di squadra, per questo, non a caso, il mio motto sarà "Tutti per uno, uno per tutti per servire", con l'obbiettivo di creare una atmosfera ed un calore da vera famiglia. Ciò rappresenta per me, sin da ora, una priorità assoluta ed imprescindibile quella di raggiungere compattezza interna, affinché la stessa costituisca la vera forza, ed anche l'elemento di distinzione del nostro club all'esterno.

Il Club Fasano Host si accinge ad affrontare un anno sociale proiettato verso il quarantesimo anniversario dalla sua fondazione, per cui sarà una occasione di riflessione sul passato, per accogliere, con impareggiabile esperienza, tutto quello che gli eventi futuri sapranno inevitabilmente riservarci. Nel mio peregrinaggio tra i documenti del Club mi sono imbattuto nell'elenco dei Past Presidents, avvertendo una strana sensazione… il peso della responsabilità di chi si appresta a rappresentare una associazione come la nostra, dedita istituzionalmente ad un ruolo di sostegno concreto ad azioni di forte impatto sociale. La passione e il credo lionistico che hanno caratterizzato il loro agire dimostra inequivocabilmente la grandezza del cuore Lions pronto a gioire quando si riescono ad alleviare le sofferenze umane.

Come cita la scrittrice-giornalista Gail Sheehy in un suo scritto "Se non cambiamo non cresciamo, se non cresciamo non viviamo davvero". Questo, a mio parere, è un messaggio di pace di estrema attualità, attraverso il quale si da voce ai progetti di crescita sociale ed economica, progetti che sono alla base delle fede lionistica di avanguardia. Le mie idee, il mio tempo li dedicherò a coinvolgere nei miei progetti la mia famiglia Lions per intero, affinché si realizzi una sinergia perfetta, da confondersi nelle sfumature delle azioni, per cui sarà impossibile individuare i veri attori, perché saremo tutti protagonisti del nostro tempo e delle nostre stesse iniziative.

Andremo alla scoperta di tematiche volte ad assicurare una migliore qualità della vita per chi è sofferente, a valorizzare l'ambiente in cui viviamo (e noi pugliesi lo sappiamo bene, mi rivolgo all'amico Fabiano) per apprezzarlo meglio sotto l'aspetto culturale, paesaggistico, a scoprire realtà culturali e religiose a noi vicine, ma ai più sconosciute. Cercherò di proporre ai soci del mio club degli appuntamenti che dovranno provocare il piacere di "ritrovarsi" per cementare ancora di più il rapporto di amicizia e collaborazione. Mi impegnerò con forza e vigore per valorizzare il nostro territorio attraverso il quale si affermano le nostre identità di uomini e dì comunità su palcoscenici più vasti; in questo sarà strategicamente importante agire in perfetta armonia e sincronia con gli altri club di zona, fornendo un nuovo e più moderno stile Lions, capace di adattarsi ai continui cambiamenti operativi.

Nel mio programma vorrei trattare con facilità e comprensione tematiche che attengono alla salute umana in ogni fascia di età, creare occasioni di incontro tra i soci per stimolare quella contagiosa complicità tipica dell'agire comune, che rinsaldai rapporti di vera e profonda amicizia. Cercherò di riservare uno spazio sempre più importante ed attivo ai giovani Leo che sono il nostro futuro, il nostro volano, la nostra futura classe Lions per sviluppare iniziative che possano interagire e completarsi a vicenda.

Mio padre mi ripeteva sempre che il suo più grande desiderio era il migliorarsi e che io dovevo diventare migliore di lui in ogni campo. Per dirmi questo e dare vigore al suo significato, utilizzava la nostra lingua madre (dialetto) ma che qui non ripeto in quanto la regia non è fornita dei "sottotitoli". Credo che questo sia, semplicemente, l'auspicio che noi Lions rivolgiamo di cuore ai nostri giovani Leo, affinché loro possano migliorare la qualità del club in ogni operatività e loro stessi come persone.

In ultimo, ma non certo in ordine di importanza, al contrario, voglio salutare con affetto e stima il mio caro gradito ospite e grande amico Vito Giordano Cardone accompagnato dalla gentile consorte Maria, in quanto mi ha voluto sempre al suo fianco in occasione delle sue infaticabili iniziative di promozione del territorio, che oggi lo vede protagonista nel presiedere la sua creazione più prestigiosa ovvero la Fondazione NIKOLAUS che, leggo sul suo sito, "La Fondazione NIKOLAUS si pone come un ponte culturale tra la città di Bari, e l'intera regione Puglia, ed il panorama internazionale, dal punto di vista istituzionale, ma anche culturale ed artistico". Un saluto affettuoso anche alla mia gradita ospite Anna Schena, senza però il suo amato Cataldo.

Concludo con il mio motto già anticipato: "Tutti per uno, uno per tutti per servire" e vi presento la mia squadra che definirei un bel piatto di pasta fresca con sugo fresco e giovane, ma condito da una abbondante dose di formaggio grattugiato stagionato:

Past Presidente: Giampiero Lozupone (sul quale si è già detto tutto o quasi);

1° Vice Presidente a tempo di record, facendo invidia ai tempi del governo centrale: Donato Celeste;
 
20 Vice Presidente un amico squisito, una vera icona dell'eleganza di sentimenti che trasmette quotidianamente a tutti noi: Florindo Pagliara;
 
Segretario una donna, uno stile inimitabile, una segretaria che ognuno di noi vorrebbe avere: Rosalba Maggi;
 
Tesoriere squadra che vince non si cambia: Domenico Martellotta;
 
Cerimoniere qui sono, emotivamente parlando, in difficoltà a presentare colui che ho realmente contattato per primo sia per l'amicizia che mi lega che per la stima che ho sempre riposto in lui, un solo nome e cognome: Alfonso Belfiore;
 
Censore: non potevo non pensare a lui così attento, autoritario quando serve, ma soprattutto molto "obiettivo" quando fotografa una persona, Sante Guarini;
 
Consigliere con enorme piacere ho pensato a lei certo del suo professionale apporto e delle sue enormi capacità: Lucia Sibilio;
 
Presidente Comitato Soci la sua è una figura da "nato per fare il presidente" per cui si colloca con estrema disinvoltura : Ilio Palmariggi; a seguire i componenti del Comitato soci: Fulvio De Mattia (detto Envirude) e Lucrezia Bini;
 
Comitato Marketing e Comunicazione la inviata speciale per eccellenza, con la speranza che si mantenga entro i confini comunali per ovvie ragioni di bilancio: Lucrezia Bini in qualità di presidente, affiancata da Ottavio Narracci e Francesca Mandolla;
 
Addetto informatico vedasi la stessa presentazione del tesoriere: Marco Cedro;
 
Leo Advisor per un rapporto che ritengo vitale per l'attività del Club ho pensato ad una donna sensibile ed intelligente come Dina Crovace;
 
Revisori dei conti: Giuseppe Colucci, Gianluca Sardella e Paolo Pace, quest'ultimo in qualità di Presidente, al quale faccio i miei affettuosi auguri per il suo onomastico.
 
Comitato Service di Club due alberi maestri del Club per navigare a gonfie vele: c'era bisogno di Dino Arnese e Leonardo Potenza, quest'ultimo in qualità di Presidente, a Dodò un abbraccio affettuoso per il suo compleanno, augurandogli ogni bene .
 
Coordinatore LCIF la punta di diamante dell'attacco della squadra Lions Host Fasano: Giannicola D'Amico.
 
Con questa squadra proverò a vincere il Campionato Mondiale di Solidarietà, assieme a tutti voi. Grazie a tutti e... buon lavoro a noi».

Attribuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Fasano social







Commenti recenti

  • pastore giovanni

    Sarebbe bene anche interrogarsi sulle ragioni e sui motivi che fanno crescere il nazionalpopulismo e domandarsi quanto sbagliate siano state le...

    Mostra articolo