Una Stagione di Prosa all'insegna dell'innovazione

di Dino Cassone sabato, 6 ottobre 2018 ore 05:28

Reso pubblico il cartellone 2018/2019 approntato in collaborazione con il Teatro Pubblico Pugliese

FASANO – Il sindaco di Fasano, Francesco Zaccaria, promette che questa sarà una stagione teatrale «equilibrata, di grande qualità e per certi versi innovativa. Abbiamo messo su un programma interessante e di vario genere, anche se è praticamente impossibile accontentare i gusti di ciascun cittadino». Il cartellone completo degli spettacoli (che avranno luogo tutti al Teatro Kennedy) è stato ufficializzato ieri (5 ottobre) nella Sala di Rappresentanza del nostro Comune.
 
Presenti oltre al sindaco Zaccaria, che ha anche ringraziato Paola Bongiorno (tra i presenti), gestore del teatro assieme alla sua famiglia, per la disponibilità e per la mole di lavoro che svolgerà da oggi (è possibile infatti già acquistare gli abbonamenti), Giulia Delli Santi, dirigente attività teatrali del Teatro Pubblico Pugliese e l’assessore Cinzia Caroli.
 
Quest’ultima, che ha collaborato per la definizione del cartellone, ha dichiarato «quanto sia stato difficile fare una selezione e di come la linea percorsa sia stata quella di dare maggiore attenzione a temi attuali come l’omofobia e i pregiudizi, senza tralasciare temi afferenti alle donne e ai giovani». A questo proposito ha anche anticipato il progetto che vedrà coinvolte le scuole e che avrà come temi le differenze e l’accoglienza; una vera e propria scommessa vista la scelta di recuperare i grandi classici, naturalmente riletti per il pubblico più giovane. 
 
Giulia Delli Santi ha quindi illustrato in dettaglio il cartellone, non prima di aver definito la città di Fasano «fiore all’occhiello in cui si può sperimentare spettacoli innovativi e originali, anche grazie a “due amministratori folli” (riferendosi a sindaco e assessore), dotati di uno sguardo aperto al futuro».
 
Si comincia mercoledì 12 dicembre con “Bella figura” di Yasmina Reza, regia di Roberto Andò. In scena Anna Foglietta, Paolo Calabresi, Lucia Mascino, David Sebasti e Simona Marchini. Il 10 gennaio è la volta di Peppe Vessicchio, che dirigerà “I Solisti del Sesto Armonico" nello spettacolo dal titolo “La musica fa crescere i pomodori - Un libro in concerto”. Il 31 gennaio andrà in scena lo spettacolo “Frame”, diretto da Alessandro Serra, che si ispira all’ universo pittorico di Edward Hopper, a cura dei Cantieri Teatrali Koreja.
 
Un classico di Pirandello in scena il 7 febbraio, “Pensaci Giacomino!” con Leo Gullotta che ritorna a Fasano. Così come ritorna per la terza volta, Vittorio Sgarbi il 18 febbraio con lo spettacolo “Leonardo”. Il 28 febbraio arriva Veronica Pivetti e il suo “Victor und Victoria”, spettacolo basato sulla pellicola Reinhold Schunzel del '33. Gradito ritorno anche il 15 marzo con Simone Cristicchi e il suo “Manuale di volo per uomo”, scritto dallo stesso Cristicchi e diretto da Antonio Calenda. 
Il 20 marzo si ride e si riflette con la commedia “Il pomo della discordia” con Carlo Buccirosso e Maria Nazionale. La stagione chiuderà i battenti il 10 aprile con il vulcanico trasformista Paolo Nani che porterà in scena l’originale e ormai celebre spettacolo dal titolo “La lettera”.
 
Invariati i prezzi degli abbonamenti rispetto alla passata stagione: 120 euro per il 1° settore della platea; 100 euro per quelli del 2° settore e 70 euro per quelli ridotti sempre del 2° settore. Stesso discorso per i biglietti per singolo spettacolo, dal costo rispettivamente di 20, 15 e 10 euro. Interessante il costo dell’abbonamento, di 30 euro, per tutti gli studenti under 18 che potranno approfittare, fino al 31 dicembre, della 18app.
 
Non resta che andare a Teatro, allora!
 
 
 Tempo stimato di lettura: 60’’

 

 

 

Attribuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Fasano social







Commenti recenti

  • Vinci Franco

    Praticamente la ss 172 parte dall' agip e nn da dopo patronelli per l'anas e le istituzioni varie, quella strada nn viene messa in...

    Mostra articolo