Il 4 novembre a Pezze di Greco

di Daniele Convertino giovedì, 5 novembre 2015 ore 06:58

Scuola e istituzioni insieme per non dimenticare. MEDIAGALLERY

PEZZE DI GRECO – Anche quest’anno non sono mancati a Pezze di Greco i festeggiamenti del 4 novembre, in cui ricorre la Giornata dell’unità e delle forze armate. Nel tardo pomeriggio di ieri – per l’appunto , 4 novembre – delegazioni delle forze dell’ordine, della Croce Rossa, della confraternita “Maria Santissima del Carmelo” e della società Ope-Artigiana, dei volontari di Protezione civile, si sono riunite di fronte al Monumento ai caduti della frazione, situato in via Corso nazionale, assieme al sub commissario prefettizio del Comune di Fasano, Onofrio Vito Padovano, ed al parroco della parrocchia “Santa Maria del Carmine”, don Francesco Zaccaria, per un momento di riflessione e preghiera. 
 
Presenti anche alcuni bambini delle scuole primarie di Pezze di Greco, i quali hanno intonato la “Canzone del Piave” e l’inno di Mameli, alternandosi al momento di preghiera condotto da don Francesco Zaccaria ed alle parole del sub commissario prefettizio Onofrio Vito Padovano. Padovano ha ringraziato i bambini presenti e si è complimentato con la scuola per averli preparati ed aver spiegato loro il motivo di tale celebrazione. 
 
La data del 4 novembre 1918 è quella in cui ricorre la fine del primo conflitto mondiale per l’Italia, ed in cui, però, si ricordano i caduti ed i dispersi di entrambe le guerre mondiali. Quest’anno – il 2015 – ricorre anche il centenario dell’entrata in guerra dell’Italia, che, dopo aver firmato segretamente il cosiddetto “patto di Londra”, dichiarò guerra all’Austria muovendo le proprie truppe lungo il fiume Piave il 24 maggio 1915, evento da cui deriva la celebre canzone. 
 
Il 2015 è anche l’anno del Bicentenario di Pezze di Greco ed infatti, proprio vicino al monumento ai caduti sono state affisse delle targhe con i numeri “1815” e “2015”, perché anche dei cittadini di Pezze di Greco hanno sacrificato le proprie vite nei due conflitti più spaventosi della storia dell’umanità ed è importante che vengano così ricordati. 
 
Tempo stimato di lettura: 40’’

Attribuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Fasano social







Commenti recenti

  • galasso cosimo

    non ci sono parole neanche i defunti riposano in pace un vero schifo ma io dico quando cera la monteco si pulivano sempre i cimiteri io o lavorato...

    Mostra articolo
  • pastore giovanni

    Ma doveva essere un'altra giornata di festa sportiva dopo la la conquista della promozione,la Coppa Italia e la piacevole accoglienza di Cristiano...

    Mostra articolo



Login

Se non sei iscritto, registrati subito!