Nuovo ospedale Monopoli-Fasano: a rischio a causa della crisi di governo

di Redazione Go Fasano giovedì, 8 dicembre 2016 ore 08:44

Fabiano Amati: “In questi momenti provo disgusto per la politica” 

FASANO – La vittoria del No al referendum costituzionale di domenica scorsa potrebbe compromettere il futuro del nuovo ospedale di Monopoli-Fasano.
 
Con l’approvazione delle legge di bilancio avvenuta ieri prima che Matteo Renzi presentasse le dimissioni al Capo dello Stato Sergio Mattarella, e senza che approdassero al Senato gli emendamenti proposti, l’emendamento che doveva servire a prorogare il finanziamento per la realizzazione dell’ospedale, per circa 70 milioni di euro, sembra ormai sembra destinato a rimanere tale.
 
La crisi di governo, in pratica, ha di fatto accelerato i tempi di approvazione della legge di bilancio e non ci sono stati i tempi per discutere e approvare ulteriori modifiche ed emendamenti (come quello che interessava il finanziamento del nuovo ospedale Monopoli-Fasano).
 
La speranza rimane, ora, solo nel decreto mille proroghe che viene normalmente approvato tra la fine dell’anno e l’inizio del nuovo anno.
 
«Senza la proroga si perderanno un po' di mesi per l'appalto degli ospedali di Taranto e Monopoli-Fasano. È in questi momenti, quando cioè sono costretto ad osservare il disprezzo del tempo, che provo disgusto per la politica».
 
Lo dichiara il Presidente della commissione bilancio della Regione Puglia, il consigliere regionale Fabiano Amati, commentando l'approvazione senza emendamenti al Senato della Legge di Bilancio. L’emendamento sulla proroga era stato respinto nell’esame alla Camera, poiché ritenuto inammissibile. Sarebbe dovuto approdare in Senato oggi, ma a causa della crisi di governo non sono state ammesse modifiche alla legge.
 
«Premesso che su questo argomento non mi faccio abbattere nemmeno da un tornado, so bene che si può recuperare col mille proroghe, un provvedimento dedicato, la rimodulazione dei fondi ecc. Ma se ciò è vero, altrettanto lo è il fatto che non è facilmente digeribile nessuna forma di spreco del tempo – dichiara Amati -. Certo, lo sfogo non risolve nulla ma la denuncia può predisporre meglio il futuro, affinché chi se ne occupa sappia che non stiamo a guardare. Ringrazio comunque il senatore Latorre che già aveva predisposto l'emendamento da presentare. La crisi politica e le modalità di gestione hanno travalicato la sua volontà. Per senso di verità devo anche aggiungere una buona notizia, a dispetto di chi gioisce per gli inciampi più che per i salti. Nei giorni scorsi l'Anac (l’Autorità nazionale anticorruzione – ndr), rispondendo a un quesito rivolto dalla Regione e dalle Asl, ha indicato una strada legale più rapida per passare alla fase esecutiva della progettazione».
 
Tempo stimato di lettura: 40’’
 

Attribuzione - Non commerciale

   
  1. pastore giovanni 8 dicembre 2016, ore 16:43

    Senza dubbio la Sua passione politica e il Suo impegno per la realizzazione del nuovo ospedale sono da valutare molto positivamente.Comprensibili la delusione,il disprezzo del tempo e il disgusto per la politica che va in crisi perchè è quella frammentata che non riesce a mettere insieme tutti i cocci,anche se dello stesso colore,ma che soprattutto stenta ad intercettare il malessere dei cittadini, quelli che pagano questa politica sempre più simile alla felliniana "prova d'orchestra",in balia dell'anarchia,dei personalismi,delle cacofonie politiche di chi pensa di poter suonare il proprio spartito senza"accordarsi" con quello di chi gli sta accanto.

Mostra tutti i commenti

Inserisci un commento


Fasano social







Commenti recenti

  • guarini nunzio

    c'è ancora qualche ingenuo che crede che ci sia qualche straccio di differenza fra destra e sinistra............poverina!!!!!!

    Mostra articolo
  • pastore giovanni

    Credevo di essere stato solo a spendere qualche parola per una diversa attenzione a difendere l'ambiente e il decoro urbano che impattano...

    Mostra articolo



Login

Se non sei iscritto, registrati subito!