Canile comunale: interviene Francesco Cisternino

di Redazione Go Fasano domenica, 16 aprile 2017 ore 08:03

Nota polemica del dirigente cittadino di Fdi An

FASANO- Il dirigente cittadino fasanese di Fratelli d'Italia - An Francesco Cisternino interviene con una nota polemica sullo stanziamento da parte del comune di Fasano della somma di 600mila euro per il canile comunale.

“Il magistrale scrittore Victor Hugo - dichiara in una nota -, come tutti coloro che avevano ed hanno un cane, fonte di affetto e di amore incondizionato, era afflitto da un dilemma di difficile risoluzione: “se guardi negli occhi il tuo cane, come puoi ancora dubitare che non abbia un’anima?”. Come potergli dare torto. Animalista convinto, con un pizzico di spocchia, credo di avere una risposta. Gli animali, cani compresi, sono esseri del creato ed, in quanto tali, posseggono un’anima che presenta una grandissima sensibilità, molte volte di uno spessore sicuramente maggiore rispetto a quella umana. Questo preambolo l’ho ritenuto d’uopo, mettendoci la faccia, per non essere tacciato di cinismo ed insensibilità nei confronti del “miglior amico dell’uomo”.

La nostra attuale Amministrazione, capeggiata da un Sindaco che pare, sin da quasi il Suo primo anno di mandato, abbia cominciato a perdere contatto con la popolazione più indigente (sigh!), ritenendo, assieme a tutta la Sua Giunta ed alla sua maggioranza consigliare, di stanziare (non so con quale coraggio!) nel Piano Esecutivo di Gestione, anno di esercizio 2017, la somma di Euro 600.000 (leggasi, tutto d’un fiato, “euroseicentomila”) per la messa a norma del Canile Sanitario Comunale. Lo stesso, ancora, nei mesi passati, era già costato, alle casse Comunali, per il perfezionamento d’acquisto, esattamente altri 42.197,05 Euro di pubblico denaro, facendo sì che, de facto, lo stesso entrasse a far parte delle proprietà comunali.

Ubicato in contrada Abaterisi - si legge ancora nella nota - e gestito odiernamente dalla Onlus "Quattrozampe nel Cuore", presieduta da Antonella Colucci, donna che personalmente non conosco ma che ha la stima di tutta la compagine di Fratelli d’Italia per la totale dedizione giornaliera che, assieme ai suoi collaboratori, prodiga per la cura del benessere di codeste indifese bestiole, andando a curare ed a combattere il fenomeno del randagismo, non si può che non essere indignati per lo stanziamento di una somma cosi elevata per la “messa a norma” del canile.

A conti fatti, e seguendo tutte le prescrizioni di legge in materia, un canile degno di tale nome lo si sarebbe eretto, in opera nuova, con appena 300.000 Euro, andando a destinare la restante identica cifra per abbattere le così ormai esose tariffe Tari che, nonostante la tanto vituperata “rottamazione dei tributi”, rateata sino ad otto cedolini, una miriade di famiglie non potrà, purtroppo, pagare. Mi chiedo, con l’auspicio di indurre Voi lettori a riflessione, con quale faccia un Sindaco, possa lasciare, nella indigenza più becera e pura, una grossa parte di una popolazione che magari, con la promessa dell’ormai tormentone “ZAC”, lo abbia anche votato.

Non sono solo indignato - conclude Cisternino - , sono anche schifato, da cittadino di questa meravigliosa citta, di come si stia gestendo, “all’acqua di rose”, la cosa pubblica. Al momento, decido di fermare il mio intervento su questa tematica qui, tesa, ribadisco, a mettere a conoscenza la cittadinanza tutta di cosa si combini in Giunta ed in Consiglio Comunale. Per dovizia di cronaca, il nostro sindaco risulta, a tutt’oggi, funzionario statale con incarico politico. Dunque, la sua bella fetta di Tari potrà tranquillamente onerarla; una moltitudine di cittadini, purtroppo più sfortunata di lui, preferirà, a giusta ragione, comprare un kg di pane per puro e dignitoso spirito di sopravvivenza e non andare a pagare cedolini su cedolini”.

Tempo stimato di lettura: 30''

Attribuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Fasano social







Commenti recenti

  • pastore giovanni

    È rimasta bloccata al Senato perchè non si riuscì a valutare l'ora giusta che doveva stabilire quando si poteva premere il grilletto e chi doveva...

    Mostra articolo
  • pastore giovanni

    L'ultimo ostacolo è stato superato.Ormai la partecipazione,la decisione,la volontà popolare diventano sempre meno determinanti per eleggere i...

    Mostra articolo



Login

Se non sei iscritto, registrati subito!