Giunta Zaccaria, è l'ora del rimpasto: come possono cambiare gli scenari politici

di Redazione Go Fasano domenica, 8 aprile 2018 ore 05:30

Le manovre allo studio a seguito degli ultimi avvenimenti politici

FASANO - Manovre in atto a Palazzo di Città. E potrebbe cominciare già da domani il percorso decisivo che vedrà il sindaco Francesco Zaccaria impegnato in una manovra di rimpasto di Giunta, anche e soprattutto a seguito del cambio degli equilibri tra maggioranza e opposizione che si sono palesati durante l'ultimo Consiglio comunale. Era abbastanza chiaro che l'uscita di Vito Bianchi dalla maggioranza, che si è espresso anche in modo forte, contrario e contrariato nei confronti dell'Amministrazione, non sarebbe passata inosservata e sotto il naso del primo cittadino senza conseguenze politiche.
 
Il condizionale è d'obbligo, perché in politica come in guerra tutto è permesso e tutto può cambiare fino all'ultimo minuto ma, eccetto sorprese dell'ultima ora, sarà l'assessore ai lavori pubblici Annarita Angelini (in quota per il movimento "In Comune") a "pagare" le scelte del consigliere Vito Bianchi che non solo ha detto no al bilancio, ma anche al piano delle opere pubbliche proposto dal suo stesso assessore di riferimento. Sul nome che subentrerà al posto della Angelini, vige ancora il massimo riserbo, dovendo quest'ultimo essere di riferimento per i nuovi ingressi in maggioranza (oltre che necessariamente donna, per continuare a rispettare le "quote rosa").
 
E già, perchè se da una parte si mischiano nuovamente le carte della compagine amministrativa, dall'altra in qualche modo il sindaco dovrà anche ristabilire gli assetti ed i numeri di maggioranza e opposizione se vorrà garantirsi tranquillità da qui al 2021. Non sarebbe cambiato nulla, anche con la sola assenza di Vito Bianchi, poiché la maggioranza avrebbe comunque avuto i numeri per governare, ma rafforzarsi dopo quanto accaduto, è una scelta di sicuro saggia e politicamente astuta. Anche perché dire che all'interno della maggioranza sia tutto un tripudio di rose e fiori, è lontano dalla realtà. Così al contrario diminuirà il peso dell'opposizione che potrebbe ritrovarsi privata di ben 2 consiglieri: Antonio Pagnelli, Tonio Zizzi e Vittorio Fanelli sono quelli che andranno "in soccorso" al centrosinistra. Vito Bianchi, invece, passerà - e già passato - in opposizione.
 
Questo non necessariamente decreterà vita facile all'interno della Giunta, sia chiaro: le decisioni che i tre consiglieri hanno preso in passato, sia nei confronti dell'ex sindaco Di Bari (firmando per la sua "caduta"), che delle rispettive ex compagini partitiche (l'uscita dal centrosinistra di Fanelli e Pagnelli per il sostegno a Giacomo Rosato, e quella dal centrodestra di Zizzi per la caduta di Di Bari), spiegano come i tre consiglieri di sicuro avranno un peso essenziale nella maggioranza e nelle scelte che essa si ritroverà a prendere in seno alla Giunta. Faranno indubbiamente sentire il loro fiato sul collo del primo cittadino. Insomma, il "do ut des" (ovviamente in termini politici) prima o poi dovrà palesarsi e prendere forma.
 
Altro nodo da sciogliere per il sindaco sarà la posizione dell'assessore al patrimonio, Leonardo De Leonardis, che qualche giorno fa ha rimesso quasi tutte le sue deleghe nelle mani del primo cittadino (delle "quasi dimissioni"): motivo della scelta le "diverse vedute" tra lui ed il dirigente Giuseppe Carparelli. Per questo, e non è escluso anche per un terzo assessore, si pensa a una redistribuzione delle deleghe in Giunta, e dunque un cambio di settori di riferimento, per ristabilire una sorta di "pace" e fare in modo che gli uffici ritornino a lavorare in maniera serena e senza "scontri" con la parte politica.
 
Incontri e manovre, insomma, quelli di questi giorni, che daranno presto a Fasano un rinnovato scenario politico. E questa è l'unica certezza. Perché è chiaro che la Giunta non può continuare a contenere al suo interno un assessore senza un riferimento in maggioranza, ed un altro assessore che è più "dimissionario" che in carica: ed ad oggi la riconsegna di quelle deleghe non è stata neppure respinta dal sindaco.

Tempo di lettura stimato: 1'
 
 

Attribuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Fasano social







Commenti recenti

  • del vecchio gianni

    ordinanza tardiva ( l'estate inizia il 21/6) e non esaustiva. Mi dica, infatti, Sig. Sindaco come si deve comportare un direttore di un locale che...

    Mostra articolo