Consiglio Comunale, una maggioranza "stanca" sospende la seduta a mezzanotte

di Redazione Go Fasano venerdì, 21 dicembre 2018 ore 05:00

Rimandata alla prossima seduta la discussione di ben quattro mozioni: non sono mancate le proteste

FASANO - E' quasi mezzanotte della giornata di ieri - giovedì 20 dicembre - quando buona parte della maggioranza comincia ad abbandonare i banchi del Consiglio comunale. Dall'aula si sente qualche "siamo stanchi" bisbigliato forse a voce un po' troppo alta per passare inascoltato, altri invece - non tenendo probabilmente neppure conto che mancano all'appello ben quattro mozioni (tre a firma Trisciuzzi ed una a firma Scianaro) - cominciano ad abbandonare l'assise, a darsi la buonanotte e a scambiarsi gli auguri di Natale. Una scena quasi imbarazzante per la maggioranza che alla fine decide, nonostante l'invito del presidente Vittorio Saponaro a proseguire e qualche protesta anche da parte del pubblico presente, di sospendere la seduta.

Ben si comprende come non siano mancate le polemiche durante il Consiglio comunale di ieri, non solo per l'epilogo della seduta ma anche per i temi trattati. Tutti i punti all'ordine del giorno presentati dalla maggioranza sono stati approvati, senza alcun problema o colpi di scena: discusse anche tutte le interrogazioni presentate dai consiglieri Bianchi, Scianaro e Di Bari senza particolari manifestazioni di soddisfazione da parte dei presentatori. Due soli documenti sono stati ritirati dalla discussione da parte del consigliere Vito Bianchi e cioè le interrogazioni relative alla fruizione di Palazzo Pezzolla ed alla mensa scolastica. A queste avrebbe dovuto replicare l'assessore Caroli, che era invece assente giustificata a causa di un grave lutto familiare.

Bocciata la mozione del consigliere Antonio Scianaro sugli importi relativi alla tassa di soggiorno: ritirata invece, sempre dallo stesso Scianaro, quella relativa al rifacimento di Via Attoma, a quanto pare già programmato nel piano triennale delle opere pubbliche. Approvata la mozione presentata dalla maggioranza a prima firma Simone, avente ad oggetto il sostegno all'approvazione della proposta di legge regionale sulla riduzione delle liste di attesa, documento che va a sostegno dell'azione intrapresa tempo fa dal consigliere regionale Fabiano Amati e che ha visto nascere anche un comitato locale. Bocciata, infine, la mozione a firma Raffaele Trisciuzzi sul collegamento delle frazioni alla stazione ferroviaria di Fasano e viceversa.

Delle restanti mozioni invece - Xylella, eliminazione dell'uso della plastica dagli edifici scolastici, PTA di Fasano e pubblica illuminazione su Viale Stazione - se ne discuterà al prossimo Consiglio comunale. Particolarmente interessante è stato invece, tra i tanti, l'intervento dell'ex sindaco Di Bari che ha presentato un'interrogazione sui profili di legittimità della nomina della nuova Commissione locale per il paesaggio. Il segretario comunale ha replicato a Di Bari dicendo che le procedure per la nomina della nuova Commissione sono pienamente legittime. Di Bari, convinto della sua tesi (poichè vi sarebbe difformità tra quanto previsto dal Regolamento comunale e quanto attuato in seno alla nomina della Commissione paesaggistica), ha lasciato intendere che si riserva di intraprendere nuove azioni al di fuori dell'aula consigliare.

Come già scritto, la seduta è terminata poco prima della mezzanotte. 

Attribuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Fasano social







Commenti recenti

  • pastore giovanni

    Non è obbligatorio rispondere alle accuse di avversari politici.Ma per problemi importanti la mancanza di smentite e chiarimenti è un limite posto...

    Mostra articolo