“Storie di Trasformazioni”: progetto promosso dall’Azienda Agricola Ottava Bianca di Fasano

di Redazione Go Fasano sabato, 1 aprile 2017 ore 06:28

Il progetto ha coinvolto gli studenti dell’Accademia di Belle Arti di Brera

FASANO- Dal 3 al 9 aprile in occasione della Milano Design Week, l’Accademia di Belle Arti di Brera presenta il progetto “Storie di Trasformazione”, promosso dall’Azienda Agricola Ottava Bianca di Fasano e finalizzato alla valorizzazione dell’Olio Extra Vergine di Oliva, EVO.

Il progetto, realizzato con il patrocinio gratuito del Comune di Fasano, è iniziato ad ottobre con un Workshop di cinque giorni nel corso del quale 4 studenti e la loro docente del corso di Product Design sono stati guidati dall’Assessore alla Cultura Annarita Angelini alla scoperta delle bellezze architettoniche e naturalistiche del territorio e hanno avuto modo di conoscere la storia della cultura materiale che sta alla base della produzione dell’EVO.

Gli studenti dell’Accademia di Belle Arti di Brera hanno progettato, a completamento del Workshop, oggetti per la valorizzazione, la comunicazione e la degustazione dell’Olio Extravergine di Oliva. Si tratta di tre famiglie di oggetti: manici in acciaio, dosatori e piatti in ceramica realizzati questi dalla bottega di Enza Fasano di Grottaglie, che rileggono la ritualità e la tradizione della produzione e del consumo dell’EVO.

“La trasformazione è l’azione ed il processo che permette all’uomo di rendere abitabile il mondo. Si trasformano le cose per farle diventare altro: si disegna il territorio per coltivare e produrre (l’uliveto), si costruisce il territorio urbano per abitare (architettura ed utensili)”. E’ questo il principio che sta alla base del progetto Storie di Trasformazione, spiega Elisabetta Gonzo, docente di Product Design e coordinatrice del progetto.

"Ottava Bianca - si legge in una nota - ringrazia Francesco Zaccaria, Sindaco di Fasano, per il dialogo intenso e caloroso che ha saputo intrattenere con gli studenti. Sottolinea quanto sia importante che un territorio ricco e maestoso come quello della Piana degli Ulivi Monumentali attragga iniziative capaci di coniugare tradizione e innovazione ed essere crocevia di saperi locali che si intreccino con la ricchezza e la complessità globale. Un territorio laboratorio di esperienze vive e dinamiche e non museo statico".

Tempo stimato di lettura: 30''

 

Attribuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Fasano social







Commenti recenti

  • Marinelli Rossano

    Quindi a quanto pare il caldo che provoca i guasti ai semafori dura da più di un anno!

    Mostra articolo
  • pastore giovanni

    Speriamo che questa volta,con questo progetto di educazione ambientale, il coinvolgimento delle scuole,finora specialiste di insuccessi,riesca a...

    Mostra articolo



Login

Se non sei iscritto, registrati subito!