LeoGrande&NiLo: la musica del duo fasanese da oggi nelle radio italiane

di Marisa Cassone venerdì, 18 maggio 2018 ore 05:30

Francesco Leogrande e Danilo Sabino con il loro EP “Punto e virgola”. L'INTERVISTA

FASANO - Prendi due giovanissimi fasanesi con la passione per la musica, aggiungi due chitarre, una buona dose di talento, simpatia, determinazione e mescola il tutto: LeoGrande&NiLo è il risultato di tutti questi ingredienti che fanno di Francesco Leogrande e Danilo Sabino un duo inimitabile. Da oggi, venerdì 18 maggio, il frutto di questa unione e passione si potrà ascoltare su tutte le radio italiane. Ma abbiamo lasciato che a raccontarcelo fossero proprio loro.
 
Come e quando è nata la vostra passione per la musica? Che genere preferite?

Danilo: «La passione per la musica è nata da bambino, a 11 anni ho scoperto la chitarra e non l’ho più lasciata. Ho iniziato ascoltando rock ed heavy metal, per poi spaziare su più generi: pop rock, italiana, rap. Adesso ascolto anche elettronica e techno, a seconda del mio umore.» 
 
Francesco: «Anche io ho scoperto la musica da bambino, a 5 anni ho iniziato a cantare e a 12 ho imbracciato la prima chitarra. Sono cresciuto con il pop e i cantautori italiani e ora preferisco non fossilizzarmi troppo su un genere, per non esserne influenzato in fase di scrittura.» 
 
Quando è nato ufficialmente il vostro duo?
 
«Ci siamo incontrati nel 2012, abbiamo visto che le cose tra noi due funzionavano e, dopo un paio di anni di gavetta, intorno a fine 2013 abbiamo deciso di iniziare a fare sul serio. Il nome è stato suggerito dal nostro produttore Mimmo Cappuccio (che ringraziamo!).» 
 
“Punto e virgola” è il vostro disco. Come nasce?

«L’idea del disco nasce dal nostro incontro musicale; entrambi eravamo reduci da situazioni completamente diverse ma il nostro incontro è stato fortuito e produttivo. Avendo pronti i primi pezzi, abbiamo deciso di fare questo EP quasi per rivendicare la nostra arte all’interno del mercato musicale italiano e ovviamente per esprimere la nostra libertà e quello che ci viene meglio.» 

E perché proprio “Punto e virgola”?
 
«“Punto e virgola” perché il punto rappresenta la fine di un ciclo… ma non di tutto! Ecco perché la virgola, perché chiuso un primo ciclo se ne inizia un altro!» 

Da oggi quindi vi si potrà ascoltare anche in radio...
 
«Esatto, grazie al nostro ufficio stampa, curato da Giovanni Germanelli, siamo in radio a livello nazionale con il nostro singolo “E tu”. Teniamo molto a questo pezzo!» 

Dove è possibile acquistare il vostro disco?
 
«Siamo su tutte le piattaforme digitali: iTunes, Amazon, ecc. Mentre, per quanto riguarda la copia fisica, potete rivolgervi direttamente a noi!» 

Non ci resta che augurare un grosso in bocca al lupo a questi veri talenti nostrani: che possano “sfondare” nel mitico quanto difficile mondo della musica.

Tempo stimato di lettura: 50''

 

Attribuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Fasano social







Commenti recenti

  • Bianco Romano

    Usiamo il giusto linguaggio: i "punti" esistono a basket e a pallavolo, NON a pallamano. A pallamano esistono esclusivamente le RETI

    Mostra articolo