Messa in sicurezza della statale 172: nota dell’avvocato Curigliano

di Redazione Go Fasano venerdì, 16 giugno 2017 ore 07:26
Si tratta del legale di uno dei proprietari degli immobili interessati dai lavori
 

FASANO – Riceviamo e pubblichiamo la nota dell’avvocato Domenico Curigliano, che rappresenta uno dei proprietari degli immobili interessati ai lavori di ammodernamento e messa in sicurezza della statale 172 nel tratto tra Fasano e Laureto.
 
“Quale legale di uno dei proprietari degli immobili interessati ai lavori di ammodernamento e messa in sicurezza della S.S. 172, sono a rappresentare alcune brevi considerazioni in ordine a quanto letto sugli organi di stampa nelle ultime settimane. Non sono passati inosservati i numerosi interventi di autorevoli esponenti politici, anche di diverso partito, i quali hanno informato l’opinione pubblica sull’azione politica svolta, finalizzata ad avviare i lavori nel più breve tempo possibile. Interrogazioni parlamentari, incontri con i vertici ANAS, richiami alla mobilitazione: la politica si è attivata incalzando la burocrazia. Naturalmente, sono tutte iniziative lodevoli, doverose per chi deve garantire la sicurezza della strada, troppe volte teatro di drammatici incidenti. Ad ogni modo, approfittando del “dibattito in corso”, mi sia consentito rappresentare alcune criticità del progetto ANAS già sottoposte al vaglio nelle competenti sedi. Si tratta di un progetto che inciderà in modo rilevante su un breve tratto della S.S. 172; in particolare, quello interposto tra il semaforo posto in corrispondenza dell’Istituto Sacro Cuore, dove è prevista una rotonda e il punto in cui la S.S. interseca l’accesso ad una cava a pochi metri di distanza dalla Stazione di Servizio AGIP, dove è prevista un’altra rotonda e una nuova strada di collegamento con Contrada Matarano, ritenuta necessaria per “ripristinare il collegamento tra la strada interna da e per lo zoosafari con la S.S. 172”. (???) L’ubicazione di quest’ultima rotonda, con la previsione di un nuovo tratto stradale, suscita parecchi dubbi sulla legittimità di tale scelta progettuale. Il Comune di Fasano, nel PRG del 2001, aveva adottato una soluzione localizzativa della rotonda differente, più efficace, più risolutiva e meno dispendiosa, oltre che decisamente più confacente alla geomorfologia del territorio. La nuova rotatoria, così come localizzata nel progetto ANAS, insiste su un reticolo fluviale di notevole importanza idrologica, a differenza di quella prevista nel PRG che, proprio per la presenza di tale reticolo, la individuava in un’area distante appena pochi metri. In definitiva, il progetto ANAS “sposta” inopportunamente la rotatoria di qualche metro, senza che sia dato comprendere alcuna obiettiva ragione di tale scelta progettuale che, peraltro, ha reso necessaria una variante urbanistica ad hoc. Come dire che il procedimento amministrativo è stato reso più complesso per l’adozione di scelte progettuali più costose, senza che sia possibile conoscere le motivazioni di tale scelta. Infatti, a fronte di un progetto di circa 15 milioni di euro, come non tenere conto del notevole risparmio economico che consentirebbe la realizzazione della rotonda, così come prevista nel PRG, senza la realizzazione del nuovo tratto stradale. La Strada Statale 172 va certamente ammodernata per la maggiore sicurezza di tutti ma ciò va fatto nel rispetto della normativa di riferimento e delle specifiche peculiarità del territorio”.
 
Avv. Domenico Curigliano
 

Attribuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Fasano social







Commenti recenti

  • pastore giovanni

    Credevo di essere stato solo a spendere qualche parola per una diversa attenzione a difendere l'ambiente e il decoro urbano che impattano...

    Mostra articolo
  • passiatore giovanna

    Occorre fare qualcosa per educare i cittadini. Altro fenomeno degradente è quello degli escrementi degli animali per tutta la città, soprattutto in...

    Mostra articolo



Login

Se non sei iscritto, registrati subito!