L’Albeghiero di Fasano aderisce al “Treno della memoria”

di Redazione Go Fasano venerdì, 12 gennaio 2018 ore 09:06

Progetto di alta educazione culturale

FASANO - Anche quest’anno l’Istituto Professionale Alberghiero “G. Salvemini” di Fasano, presieduto da Rosa Anna Cirasino, aderisce al progetto “Il Treno della Memoria”. Appuntamento fisso con la cultura e soprattutto esperienza collettiva unica: la tragica esperienza del passato, rivissuta nei luoghi dello sterminio di massa, consente agli studenti di attivare un circuito di cittadinanza attiva.
 
“È un progetto di alta educazione culturale – dice la dirigente scolastica dell’Istituto Professionale Alberghiero “Salvemini” di Fasano, Rosa Anna Cirasino – che permette a tutti gli studenti di attivare un processo naturale di trasmissione di conoscenze, esperienze ed emozioni svolto in un’ottica di cooperazione, rispetto reciproco e solidarietà”.
 
Gli studenti del Professionale Alberghiero “Salvemini” di Fasano, coordinati dalla docente Mina Piccoli, che parteciperanno al progetto “Il Treno della Memoria” sono: Valeria Albanese, Chiara Ester Legrottaglie, Antonio Spadintessa, Angela Lupoli, Alessia D’Errico (classe V sezione A) e Michela Mileti (classe V sezione C).
 
La partenza da Fasano è in programma martedì 19 gennaio, il rientro martedì 27 dello stesso mese. Giunti a Cracovia, dalle diverse destinazioni europee, i gruppi di studenti avranno modo di confrontarsi e di approfondire le rispettive esperienze.
 
All’interno del Campo di Birkenau, si tiene la consueta commemorazione compiuta dai partecipanti al viaggio e precedentemente preparata da una semplice quanto efficace attività educativa.
 
Il rientro in Italia è preceduto da una grande assemblea a Cracovia attraverso la quale collettivamente si rielabora l’esperienza vissuta.
 
Tempo stimato di lettura: 20’’
 

Attribuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Fasano social







Commenti recenti

  • pastore giovanni

    È ormai diventata una frequente alternanza di notizie che ci presentano questa realtà: da una parte c'è chi non ha voglia di perdere l'abitudine di...

    Mostra articolo