Studenti francesi ospitati a Fasano

di Redazione Go Fasano domenica, 1 aprile 2018 ore 05:40

Nell’ambito di un gemellaggio compiuto dalla scuola media “Bianco-Pascoli”

FASANO – Ennesimo gemellaggio conclusosi con successo. Apprendimento, amicizia, divertimento, integrazione culturale: questi sono solo alcuni degli obiettivi del progetto di gemellaggio con la Francia che, ormai da anni, la scuola secondaria di primo grado “G. Bianco- G.Pascoli” di Fasano realizza con successo.
 
Quest’anno le docenti referenti Maria Dibello e Rosanna Orlando hanno organizzato lo scambio con una scuola del Dipartimento di Lyon, il Collège “La Sidoine” di Trévoux. Dal 4 al 9 marzo, ventidue alunni francesi sono stati accolti nelle famiglie di ragazzi fasanesi frequentanti la terza media e nel mese di maggio l’ospitalità verrà ricambiata.
 
Di seguito riportiamo le impressioni riportate da due alunne partecipanti al progetto e da un genitore degli stessi.
 
Domenica 4 marzo é iniziato un sogno, un’esperienza meravigliosa.
Qualche mese fa le professoresse ci hanno informato dell’opportunità di ospitare un ragazzo di nazionalità francese per una settimana e per noi, già da allora, è cominciata una fantastica avventura, inizialmente fatta solo di messaggi e scambi di foto.
 
Dopo una trepidante attesa, finalmente l’incontro fra di noi. 
Loro inizialmente sembravano chiusi e timorosi, poi con il passare dei giorni si sono rivelati ragazzi simpatici e cordiali.
Sono stati giorni vissuti intensamente, tante le attività svolte insieme e molti i luoghi visitati per far scoprire loro le meraviglie della nostra terra. 
 
Abbiamo cominciato con lo Zoosafari e tra animali, natura e parco giochi...eravamo già molto affiatati, poi la manifestazione di accoglienza a scuola ha sciolto le residue timidezze sulle note di canti e danze del nostro folklore.
 
Le giornate si sono susseguite rapidamente… abbiamo mostrato loro trulli, ulivi e masserie, ci siamo incantati dinanzi ai capolavori del Barocco leccese, abbiamo fermato in uno scatto momenti indimenticabili davanti a scenari unici di località quali Otranto, Monopoli, Alberobello e la nostra Fasano. 
 
La sera del giovedì il ballo finale, uno dei momenti più belli ed emozionanti con le prime lacrime che scendevano copiose al pensiero che il giorno dopo i nostri amici sarebbero partiti. 
 
Tanto abbiamo imparato da questa esperienza e nonostante qualche difficoltà linguistica l’intesa con loro è cresciuta momento dopo momento e i giorni con loro sono volati in fretta come quel palloncino lanciato il giorno dell’accoglienza.
Ora non ci resta che aspettare ansiosamente il 6 maggio.
 
(Alessandra Calella e Lucrezia Serri, Classe III B e III E)
 
Sorrisi, divertimento, tanto impegno e lacrime di gioia descrivono bene l’atmosfera di questa esperienza che ha lasciato un segno nei nostri cuori.
 
Per noi genitori il gemellaggio è stato un bagaglio di emozioni che ci ha visto uniti e complici nel condividere valori importanti come la solidarietà, il rispetto, l’accoglienza. Questi giorni ci hanno fatto riflettere e ci hanno permesso di riscoprire la semplicità del mettere in comune apprezzando quello che si ha.
 
Non è stato solo uno scambio culturale, il gemellaggio è molto più di questo, è arricchimento interiore e crescita personale per i nostri figli e per tutti noi che l’abbiamo vissuto.
 
Un vivo ringraziamento va alle docenti che hanno saputo motivare i ragazzi e hanno trasmesso loro l’entusiasmo per vivere pienamente questa importante esperienza di vita.
 
(Cinzia Giordano Cardone)
 
Tempo stimato di lettura: 1’ 20’’

Attribuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Fasano social







Commenti recenti

  • del vecchio gianni

    ordinanza tardiva ( l'estate inizia il 21/6) e non esaustiva. Mi dica, infatti, Sig. Sindaco come si deve comportare un direttore di un locale che...

    Mostra articolo