Piccoli studenti fasanesi alla scoperta della loro storia e di quella della città

di Marisa Cassone venerdì, 13 aprile 2018 ore 06:05

A cura della scuola dell’infanzia “Ignazio Ciaia” LE FOTO

FASANO - Il senso di appartenenza ad un territorio, ad una comunità e, in particolare, alla città, va insegnato fin dalla tenera età. È questo l’obiettivo di un progetto che sta vedendo protagonisti i piccoli alunni della scuola dell’infanzia “Ignazio Ciaia”.

I bambini di 5 anni, guidati dalle maestre Annamaria Carparelli e Antonia Calderaro, scoprono in questi giorni il territorio e la loro “fasanesità” attraverso attività pratiche e visite guidate. Ieri, giovedì 12 aprile, i piccoli studenti e cittadini si sono recati, in compagnia dei genitori, a Palazzo di Città dove hanno potuto incontrare e conoscere il sindaco di Fasano Francesco Zaccaria. Dopo l’accoglienza, il primo cittadino ha personalmente firmato le "carte d’identità" che i bambini avevano compilato allegando anche la propria fototessera.

È toccato poi all’assessore all’Istruzione, Cinzia Caroli, mostrare ai baby ospiti la Sala di Rappresentanza e la Sala Consiliare, spiegandone caratteristiche architettoniche e operative. La scolaresca ha in seguito raggiunto la Biblioteca comunale dove, attraverso il Progetto Lettura, ha potuto conoscere il curioso ed interessante mondo dei libri e della loro classificazione per generi. Successivamente, ogni bambino, supportato dalle dipendenti della biblioteca, ha scelto un libro da portare a casa e leggere insieme ai propri genitori.
 
I sorrisi dei bambini e le numerose domande che hanno posto alle maestre, denotano sicuramente il risultato di un progetto ben riuscito e che continuerà nei prossimi giorni nei luoghi che caratterizzano la città e la storia di Fasano.
 
Tempo stimato di lettura: 30’’

Attribuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Fasano social







Commenti recenti

  • pastore giovanni

    Ci ritroviamo sempre di fronte a immagini che ci regalano spettacoli di vandalismo che non vorremmo più vedere.Sarà ormai la malattia della nostra...

    Mostra articolo