I Carabinieri Forestali hanno incontrato gli studenti delle frazioni fasanesi

di Redazione Go Fasano lunedì, 3 dicembre 2018 ore 05:25

Nell’ambito del secondo incontro del progetto “Dal banco alla strada”

PEZZE DI GRECO / MONTALBANO – “La sicurezza del cittadino attraverso il rispetto per l’ambiente: una sfida senza frontiere”: è stato questo il tema del secondo incontro del  progetto “Dal banco alla strada”, che ha visto intervenire, a Pezze di Greco presso l’aula magna dell’Istituto comprensivo “Galilei” di Pezze di Greco, il col. Ruggiero Capone, comandante provinciale dei Carabinieri Forestali di Brindisi.
 
L’alto ufficiale dei Carabinieri Forestali ha relazionato su tutela del territorio, dissesto idrogeologico, abbandono di rifiuti, inquinamento, incendi boschivi.
 
Il Progetto formativo “Dal banco alla strada” è la risultanza di un lavoro di riflessione e collaborazione interistituzionale che si pone come obiettivo prioritario quello di promuovere la “Cultura della Sicurezza” in ambito scolastico, sensibilizzando principalmente i ragazzi della scuola secondaria di 1° Grado “G. Galilei” di Pezze di Greco e Montalbano. 
 
Il progetto è stato ideato cinque anni fa dal sostituto commissario di Polizia Francesco Saracino e  per l’anno scolastico 2018/2019  si sta realizzando, ancora una volta, grazie alla sinergia organizzativa dell’Istituto Comprensivo “Galilei” di Pezze di Greco e dei volontari di Protezione civile della Associazione "Cb Quadrifoglio" di Montalbano, con la collaborazione dell’Amministrazione comunale e delle Forze dell’ordine.
 
Il prossimo incontro si terrà venerdì 14 dicembre, quando il luogotenente  Salvatore Rubbino, comandante dei Carabinieri di Pezze di Greco,  parlerà di giochi pirici e materiali esplodenti, guida sotto l’effetto di stupefacenti e/o alcolici, riflessi e conseguenze personali e sociali di alcuni comportamenti a rischio.
 
Tempo stimato di lettura: 30’’

Attribuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Fasano social







Commenti recenti

  • pastore giovanni

    Non è obbligatorio rispondere alle accuse di avversari politici.Ma per problemi importanti la mancanza di smentite e chiarimenti è un limite posto...

    Mostra articolo