Eccellenza, il capitano Anglani della Città di Fasano riscalda la piazza

di Tommaso Vetrugno mercoledì, 7 marzo 2018 ore 11:00

"Saranno sei finali ed abbiamo bisogno dei tifosi per cullare il sogno della serie D". Pronti tre pullman di supporter al seguito per la gara di Otranto.

FASANO – Non c’è tempo di cullarsi sugli allori che il calendario presenta già un’altra sfida, di quelle dove l’obiettivo è solo uno: continuare a costruire il salto di categoria. La Città di Fasano forte delle quattro vittorie di fila viaggia con tre punti di distacco sull’immediata inseguitrice e non vuole fermarsi sul più bello.

I biancazzurri di capitan Antonio Anglani vanno avanti a ritmo sudamericano e scaldano una piazza calcistica che continua a cullare il sogno del salto di categoria. All’appello mancano solo sei giornate e domenica si va ad Otranto.

“Siamo contenti per aver incrementato il distacco – dichiara il capitano Anglani – ma manca ancora tanto per esultare. Sei gare sono molte e del resto abbiamo avuto l’ennesima dimostrazione che anche contro le formazioni di bassa classifica non è facile vincere. Loro puntano a mettersi tutti dietro sperando di strappare un pari. In questi casi bisogna essere molto calmi per cercare il varco giusto e portare a casa la vittoria. Stiamo lavorando molto bene e credo che abbiamo messo alle spalle il momento negativo”.
Chiaro il riferimento al periodo a cavallo della stessa finale di Coppa Italia che ha portato non solo la sconfitta sul campo, ma anche gli strascichi negativi in campionato, poi la svolta sul campo ostico della diretta concorrente Bitonto.
“Abbiamo superato quel momento – continua – guardandoci negli occhi nello spogliatoio. Cercando di capire quello che non stava funzionando, non in campo, ma credo nella nostra testa. Del resto devo ammettere che non siamo abituati a lamentarci perché in quel periodo abbiamo incassato anche molti problemi sullo stato di forma dei nostri giocatori. Alcuni hanno giocato anche con infiltrazioni ed allo stesso tempo non avevamo una buona condizione fisica. Ora abbiamo recuperato e dobbiamo continuare a credere in questa fuga in testa alla classifica”.

In fine non poteva mancare l’appello ai tifosi.
“Mi dicono che ci saranno – conclude il capitano – tre pullman di nostri tifosi al seguito ad Otranto. Non può che farmi piacere, sono contento perché ogni gara che resta sarà una finale. In questo momento abbiamo tanto bisogno di sentire sempre la loro vicinanza”.
 

Tempo stimato di lettura: 1'

Attribuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Fasano social







Commenti recenti

  • Bianco Romano

    Usiamo il giusto linguaggio: i "punti" esistono a basket e a pallavolo, NON a pallamano. A pallamano esistono esclusivamente le RETI

    Mostra articolo