Serie D, La Città di Fasano a testa alta contro la Pro Piacenza

di Redazione Sport lunedì, 30 luglio 2018 ore 05:25

Al cospetto di una formazione di Lega Pro i biancazzurri tengono bene il campo anche se soccombono nel finale LE FOTO

CASTEL DI SAGRO – Secondo uscita in amichevole per la Città di Fasano che sui colli molisani sta preparando la prossima stagione agonistica di serie D. Nel pomeriggio di ieri i biancazzurri del tecnico Giuseppe Laterza hanno affrontato la compagine della Pro Piacenza 1919, società che milita in Lega Pro. Un buon test per i biancazzurri che hanno dato vita ad una sfida lungo la distanza di tre tempi da 30 minuti.

“Senza dubbio è stato un buon allenamento – afferma il tecnico Laterza – affrontando una formazione con qualche giorno in più di lavoro nelle gambe, ma nonostante tutto per quello che mi riguarda ho avuto buoni riscontri dal campo. Nonostante i carichi di lavoro abbiamo avuto un buon ritmo e mantenuto per buona parte della gara. Era importante iniziare ad approcciarsi alla partita ed i ragazzi sono stati bravi. Certo bisogna curare gli errori fatti, molti dovuti alla poca lucidità e riprenderemo subito a lavorare duro”.

Per la cronaca gli emiliani si sono imposti per 2-0, ma le reti sono maturate negli ultimi minuti, quando la Città di Fasano era alle prese con non pochi esperimenti di formazione. Di certo è venuta fuori una buona tenuta difensiva con Gabriel Colombatti che è stato schierato al fianco di Erminio Rullo, nella parte centrale della difesa, mentre sugli esterni sono andati gli under Massimo Pugliese e Tidiane Diop, a completare lo scacchiere under ci ha pensato Davide Cardea, come esterno alto, ed il portiere Mattia Guarnieri.

Il modulo tattico è stato il classico 4-2-3-1, con la coppia centrale composta da Facundo Ganci e Michele Lanzillotta. Per il resto nessuna variazione di peso rispetto alla prima uscita in amichevole (LEGGI QUI), quella con il Baranello, formazione di Promozione molisana.

Non c’era Giorgio Beradini, a riposo precauzionale, ma questo ha permesso al mister di riproporre la coppia senior nel cerchio di centrocampo. Una squadra che ha retto maggiormente dalla cintola in giù, mentre in avanti è risultata sterile e con poche soluzioni tattiche per alternare Loris Formuso, senza rivedere il modulo.

Quella dell’assenza di un’altra punta, ovviamente senior, è un dato oggettivo risaputo e forse in merito potrebbe arrivare qualche novità in settimana. Per il resto si è provata anche la carta di Alessio Romanazzo come prima punta, ma ovviamente è stato un ripiego. Viceversa con l’ingresso di Giovanni Mummolo, per lo stesso Romanazzo, e l’under Danilo Giannotti, per Anibal Montaldi, si è ripiegato sul modulo 4-4-2.

Una buona amichevole che segna la crescita della squadra che ha giocato davanti ad un'ottima cornice di pubblico biancazzurro, giunto per la circostanza nella cittadina molisana.

Tempo stiamato di lettura: 1' 20"

Attribuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Fasano social







Commenti recenti

  • Vinci Franco

    Bene e l'inizio dei lavori sulla 172,è per quanto riguarda l'uscita cucine pinto,che provvedimento verrà preso dato che è un uscita e un entrata...

    Mostra articolo