Al via la quarta edizione del Trofeo del Levante

di Redazione Go Fasano martedì, 4 aprile 2017 ore 11:26
Boom di presenze per la gara che apre le danze della stagione motoristica 2017
LE FOTO
di Leonardo Di Bari
 
FASANO – Dopo ben quattro mesi di stop, sono tornati a rombare i motori all’Autodromo del Levante di Binetto, per la prima delle quattro tappe del 4° Trofeo Autodromo del Levante, magistralmente organizzato da EptaMotorsport e Assominicar e andata in scena nello scorso fine settimana (Foto di Leonardo Bartolini).
 
Ben 87 gli iscritti e 77 i verificati, presupposti più che positivi per la gara della domenica. La mattina è stata caratterizzata, come sempre, dalle qualifiche delle 6 batterie in gara (Le Bicilindriche, Racing Start e RS Plus, Nangkang Lupo Cup, Sport e Formula, Coppa 1150 e Monomarca N1400), mentre il dopo pranzo è stato il momento clou della giornata, con le grandi sfide delle gare, seguite dai tantissimi spettatori presenti sugli spalti dell’Autodromo.
 
Tra i tanti iscritti, anche diversi fasanesi che, come ogni anno, partecipano al Trofeo. Ma vediamo nei dettagli le diverse categorie in gara.
 
C.I. Le Bicilindriche (Gara 1): Nel gruppo più numeroso, quello delle piccole 500 di casa Fiat, la vittoria della prima gara è andata all’esperto pistard Giancarlo Cuomo, seguito dal campano Onofrio Criscuolo e da Carlo Rumolo, tutti su Fiat 500. Sfortuna per il poleman e favorito alla vigilia Andrea Currenti, ritirato dopo il primo giro per noie al cambio. Tra i fasanesi, da segnalare il quinto posto di Oronzo Montanaro e l’undicesimo posto di Francesco Guarini, entrambi su Fiat 500.
 
Racing Start e Nankang Lupo Cup: Vittoria per Giuseppe Cardetti, su Renault Clio, davanti all’arrembante Francesco “Ciccio” Savoia e a Mario Marsico, entrambi su Citroen Saxò. Nella Lupo Cup, invece, la vittoria è andata a Gianvito Schena, seguito da Angelo Loconte e da Silvestro De Mola. Fuori dalla classifica invece, il fasanese Oriano De Leonardis, su decisione dei commissari sportivi. 
 
Turismo fino a 1600 e RS Plus: Successo per Michele Carbone, su Renault Clio RS, davanti a Onofrio Mariella, su Clio Cup, e a Giovanni Tedesco, su Peugeot 306. Successo in gruppo A1150 e secondo posto in Coppa 1150 per il giovane Giuliano Sacco, su A112 Abarth. In RSTB vittoria in solitaria per il pistard Gabriele De Matteo su Mini Cooper S. Fuori per problemi meccanici il poleman Vito Gambardella, su Peugeot 106 E1 1600.
 
Monomarca Peugeot N1400: Nel monomarca tra le piccole francesine della Peugeot, vittoria a Amodio Cozzolino, davanti a Maurizio Perrotta e Carlo Romano, tutti su Peugeot 106. Quinto posto per il fasanese Antonio Colucci e ottavo per il pilota/organizzatore Ronny Guarini, esordiente su Peugeot 106 (da segnalare il suo tempo in qualifica valsogli il terzo posto in griglia). Sfortuna per Donato Argese, che abbandona la gara per problemi meccanici, nonostante un’ottima partenza che lo aveva portato in terza posizione.
 
Sport e Formula: Grande spettacolo hanno regalato, come sempre, le biposto e monoposto protagoniste di questa batteria. La vittoria è andata al siciliano Mario Pappalardo, su Tatuus Formula Master, dopo una bellissima lotta con il campano Francesco Celentano, su Radical SR4, classificatosi secondo, davanti a Simone Patrinicola, su vettura gemella. Secondo posto tra le monoposto per il fasanese Oscar Sarcinella, a bordo della Lola Dome Spiess, sesto nella classifica generale. Sfortuna invece per Dino Semeraro, che ha portato al debutto la sua nuova Radical SR4 di gruppo E2SC 1600, ritirato dopo un testacoda poco dopo la partenza.
 
Turismo oltre 1600: Vittoria per l’inarrestabile presidente della Fasano Corse Vito Giuseppe Pace, su Porsche 996 GT3, davanti al rientrante Leonardo De Carolis, su Smart Suzuki, e ad Alessandro Flaminio, su Alfa Romeo 147. Ritirati entrambi i protagonisti delle qualifiche, Vito Tagliente, su Honda Civic Typer, e Raffaele De Giuseppe, sulla nuova Audi RS4 Superstars.
 
C.I. Le Bicilindriche (Gara 2): Nella seconda gara, dopo l’inversione della griglia, la vittoria è andata a Carlo Rumolo, davanti a Ivan Lizzio e a Onofrio Criscuolo, tutti su Fiat 500. Tra i fasanesi Oronzo Montanaro mantiene la sua quinta posizione, mentre Francesco Guarini si classifica al quattordicesimo posto. Ancora sfortuna per Andrea Currenti, ritirato per una foratura alla gomma posteriore destra.
 
Bilancio più che positivo per gli organizzatori per la prima tappa, che ora sono già a lavoro per la prossima tappa del 7 maggio. Prossimo appuntamento con i motori, invece, è fissato per il weekend del 29 e 30 aprile, per la prima tappa del CIVM (Campionato Italiano Velocità Montagna).
 
 
Tempo stimato di lettura: 2’00’’
 
 

Attribuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Fasano social







Commenti recenti

  • Marinelli Rossano

    Quindi a quanto pare il caldo che provoca i guasti ai semafori dura da più di un anno!

    Mostra articolo
  • pastore giovanni

    Speriamo che questa volta,con questo progetto di educazione ambientale, il coinvolgimento delle scuole,finora specialiste di insuccessi,riesca a...

    Mostra articolo



Login

Se non sei iscritto, registrati subito!