Coppa Selva di Fasano, la presidente De Mola ha una nuova sfida: centrare l'Europeo

di Tommaso Vetrugno lunedì, 4 giugno 2018 ore 05:30

«Ogni anno è sempre più difficile organizzare un evento di questa portata in base alle tante prescrizioni di sicurezza e non solo»

FASANO – Siamo prossimi alla Coppa Selva di Fasano e per il presidente Laura De Mola dell’Egnathia corse arriva il momento di un’altra sfida, di un altro obiettivo da perseguire, perché nulla è semplicemente ripetitivo e scontato quando si organizza un evento di questa portata.

“Devo ammettere – afferma De Mola – che ogni anno è sempre più difficile organizzare. A seguito di tutte le prescrizioni della commissione di vigilanza in questo momento tornerei volentieri sui miei passi”.

Uno sfogo che emerge proprio dalle tante prescrizioni che vengono fuori a grappoli passando ad un anno all’altro, da un edizione all’altra. Siamo alla 61esima edizione di una lotta contro il tempo che diventa sempre più difficile organizzandola stando all’interno delle tante regole imposte per eventi di questa portata, al di là delle norme specifiche stabilite dall’Aci sport. Chiaro il riferimento alle normative di pubblica sicurezza che colpiscono proprio quegli eventi che muovono tanta gente, proprio come la Coppa Selva di Fasano che un solo week end porta sulle tribunette naturali, costituite dai muretti a secco, non meno di 50mila spettatori.

“Ogni anno diventa più complicato – conclude il presidente – reperire risorse economiche e risorse umane, ma andiamo avanti perché abbiamo preso un impegno e dobbiamo portarlo in porto. Non solo, come ogni sfida cerchiamo di renderla sempre più avvincente con un altro obiettivo da perseguire. Infatti abbiamo una missione, regalare alla città la validità europea. In merito Oronzo Pezzolla, componete dell’esecutivo Aci sport, si è speso molto in federazione per candidare la nostra gara al Fia hill climb challenge e faremo di tutto per centrare questo traguardo”.

Una sfida nella sfida, quindi, per la prossima edizione targata 61esima che vedrà la presenza di due osservatori Fia che dovranno valutare se la competizione ha le carte in regola per porter entrare a pieno titolo nel caledario di una Fia hill climb championship.

Tempo stimato  di lettura: 1' 10"

 

Attribuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Fasano social







Commenti recenti

  • Galasso Cosimo

    Voi pensate sepre a sistemare le strade piu pericolose sono daccordissimo ogni tanto pero fateni un giro fasano ostuni statale 16 ai birdi dellle...

    Mostra articolo