Serie A1, La Junior Fasano espugna Pressano e balza in testa alla Poule play off

di Tommaso Vetrugno sabato, 14 aprile 2018 ore 21:30

Una gara esemplare ha permesso ai ragazzi di coach Ancona di portare a cinque le vittorie di fila

Pressano-Junior Fasano: 27-28 (12-14)
Pressano: Facchinelli, Dallago (5), Moser M, Bolognani (7), Chistè, D’Antino (3), Di Maggio (3), Fadanelli, Giongo (3), Sampaolo, Alessandrini (1), Folgheraiter (2), Senta (3), Moser N. All. Dumnic.
Junior Fasano: Fovio, Cedro, Messina, De Santis L. (1), Pugliese, Maione (9), Radovcic (6), Leal (7), Venturi (2), Riccobelli, Angiolini (2), D’Antino (1). All. Ancona.
Arbitri: Cosenza e Schiavone.

LAVIS – La Junior Fasano mette a segno un’impresa superando a domicilio la capolista Pressano. Una prestazione esemplare, trascianati da un incontenibile Pasquale Maione, ha permesso ai ragazzi di coach Francesco Ancona di imporre il primo stop ai trentini dell’ex tecnico Branko Dumnic, portando a cinque le vittorie di fila e balzando per la prima volta in testa alla Poule play off, quando mancano al termine sole tre gare.

“Sapevamo che sarebbe stata – afferma il coach biancazzurro – una giornata cruciale per la classifica e così è stata. Abbiamo sfoderando una buona prestazione che ci ha permesso di condurre la sfida per gran parte del tempo, adottando un’ottima difesa, pur dovendo fare i conti con defezioni di non poco conto. Infatti nel finale sono mancati i cambi per far rifiatare il roster, ma alla fine hanno saputo stringere tutti i denti per conquistare una vittoria di peso”.

Chiaro il riferimento all’assenza di Paolo De Santis, per squalifica, ma anche quella di Giudo Riccobelli, tenuto a riposo precauzionale alla luce di un lieve infortunio patito in settimana. Grande coraggio da parte del tecnico Ancona che ha così optato per l’utilizzo a tempo pieno del giovane Filippo Angiolini, mentre il jolly Flavio Messina si è alternato con il brasiliano Andrè Alves Leal, tra attacco e difesa.

In gara dopo un avvio punto a punto è venuta fuori la Junior Fasano che ha messo la testa in avanti a metà tempo fino ad arrivare all’intervallo sul +2 (12-14), proprio sullo scadere ha mancato la palla del +4 incassando la rete dei padroni di casa nel successivo attacco dei trentini. Nella ripresa i pugliesi hanno provato la fuga in avanti, ma sul più bello non sono riusciti a mettere a segno la rete del +5 che avrebbe permesso di gestire con una certa tranquillità il finale, sta di fatto che i trentini hanno sfoderando un break di 5-0 che ha portato i fasanesi addirittura sul -1 (27-26) con il meritato sorpasso che è stato servito sullo scadere, prima di stringere le maglie difensive nell’ultimo turno d’attacco dei locali.

“Resta solo il rammarico – conclude Ancona – che potevamo gestire meglio alcuni frangenti di gara, cercando addirittura un vantaggio maggiore che potrebbe tornare utile in caso di parità finale al termine della Poule play off, ma allo stesso tempo non posso che ringraziare i ragazzi per una vittoria di peso che mette il nostro futuro saldamente nelle nostre mani”.

Nel prossimo turno sempre in trasferma, ma questa volta per affrontare l'United Bologna con i galloni di prima della classe

Tempo stimato di lettura: 1' 20"

Attribuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Fasano social







Commenti recenti

  • pastore giovanni

    Ci ritroviamo sempre di fronte a immagini che ci regalano spettacoli di vandalismo che non vorremmo più vedere.Sarà ormai la malattia della nostra...

    Mostra articolo