Serie A1, Gara due scudetto, la Junior cerca la vittoria per rimanere in corsa

di Tommaso Vetrugno sabato, 19 maggio 2018 ore 04:00

Sul neutro del Palawojtyla di Martina occorre un'affermazione piena con il Conversano per continuare a sognare

FASANO – Il grande giorno per la Junior Fasano che è chiamata a rimanere in corsa per lo scudetto affrontando l’avversario di mille battaglie, l’avversario che ha segnato l’ascesa della pallamano in Puglia: il Conversano. Il primo atto della sfida scudetto ha fatto emergere la vittoria dei baresi (LEGGI QUI) che si sono imposti in casa, sfruttando un finale scoppiettante, dopo un avvio di gara impetuoso dei biancazzurri capaci di tenere a secco l’attacco dei baresi per ben 9 minuti.

Il derby pugliese ancora al centro dell’attenzione nazionale, ma questa volta per assegnare lo scudetto. Non era mai successo, come non era mai successo che la Junior Fasano approdasse in finale con il massimo del vantaggio del campo, potendo giocare in casa sia gara due che l’eventuale gare tre.

Lo scenario di gara sarà il Palawojtyla di Martina Franca. Ancora in trasferta, quindi, dato che in città non c’è una struttura adeguata all’evento e questa è una lacuna incredibile che sta penalizzando una pallamano che approda alla finale scudetto per la quinta volta di fila.

Vietato sbagliare per una Junior Fasano che insegue lo scudetto, ma in gara uno ha incassato una sconfitta che brucia, perché arrivata al termine di una partita a lunghi tratti dominata, poi l’incredibile ed inatteso calo fisico e mentale. Il regolamento permette ai biancazzurri di poter riequilibrare la sconfitta puntando ad una vittoria con qualsiasi risultato, perché solo un’affermazione piena permetterebbe alla Junior Fasano di approdare alla cosiddetta bella.

Sul fronte formazione coach Francesco Ancona potrà contare sul recupero di Andrè Alves Leal, mentre Paolo De Santis potrebbe andare in panca. Due pedine di peso per dare maggiore spesso ad una formazione che ha bisogno dei necessari cambi alla luce di un gioco veloce.

“Noi ci crediamo – afferma il tecnico Ancona – e sono convinto che anche i nostri tifosi ci credono. Insieme possiamo raggiungere il traguardo che sogniamo”. Poche parole rilasciate alla vigilia della sfida che riscaldano l’ambiente, nonostante il campo di gara interno non sia il Palazizzi, considerato inadeguato ad un evento di questa portata.

Si accede alla sfida con il biglietto comprato solo in prevendita, sfruttando i punti vendita organizzati. Per i ritardatari resta solo sperare in una proroga dei termini che sono scaduti ieri sera. Difficilmente ci sarà il tutto esaurito, a quanto pare le restrizioni imposte dalla Questura di Taranto hanno influito sulla prevendita, dato che è stato imposto l’obbligo di allegare al biglietto di ingresso la fotocopia del documento d’identità del possessore e questo ha portato ad una prevendita a ritmo blando. Purtroppo la soluzione del documento non è stata gradita dal tifo organizzato che ha disertato la prevendita. Forse in mattinata i punti prevendita saranno ancora aperti, ma nulla è certo.

Fischio d’inizio fissato alle ore 20:45 con la direzione di gara affidata alla coppia Zendali e Riello con la diretta televisiva sui canali televisivi di Sportitalia.

Tempo stimato di lettura: 1' 20"

Attribuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Fasano social







Commenti recenti

  • pastore giovanni

    Sarebbe bene anche interrogarsi sulle ragioni e sui motivi che fanno crescere il nazionalpopulismo e domandarsi quanto sbagliate siano state le...

    Mostra articolo