Serie A1, Terza sconfitta di fila per la Junior Fasano

di Redazione Sport domenica, 30 settembre 2018 ore 19:15

Si acutizza la crisi di risultati dei biancazzurri che escono battuti dalla trasferta di Cassano Magnago e scivolano in coda alla classifica

Cassano Magnago-Acqua & Sapone Junior Fasano: 26-23 (12-13)
Cassano Magnago: Ilic, Scisci (3), Fantinato (2), Moretti (9), Monciardini, Saitta (1), Bassanese, Cenci, Gallazzi Dmitri (2), Gallazzi Denys, Serraglia, Possamai, Dorio, Bortoli (4), Luoni, Milanovic (4), La Mendola (1). All. Kolec.
Acqua & Sapone Junior Fasano: Fovio, Palmisano, Radovcic (6), Donoso (1), Petrychko, Venturi (4), Bronzo (4), Corcione, Bargelli (1), Angiolini (3), Pugliese, Messina (4). All. Ancona.
Arbitri: Cosenza e Schiavone.

CASSANO MAGNAGO (Va) – Crisi profonda per una Junior Fasano che non riesce a svoltare sul campo lombardo e si ritrova al termine della quarta giornata con soli due punti in classifica. Un bottino fin troppo scarno se si svuole ambire a riconfermare sul petto lo scudetto.

Rientra tra i pali il portierone Vito Fovio, ma non basta per avere ragione dei padroni di casa che sfruttano a dovere una ripresa vigorosa che gli permette di strappare una vittoria di peso che condanna i biancazzurri alla terza sconfitta di fila. La gara si decide nel finale, dove si mostra determinate la panca corta dei fasanesi e la prestazione esaltante del portiere di casa.

In campo coach Francesco Ancona opta con il solito Demis Radovcic utilizzato come centrale, mentre sugli esterni va il veterano Flavio Messina, in coppia con Umberto Bronzo. A completare la linea dei terzini ci sono Victor Donoso e Giulio Venturi, mentre sulla linea dei nove metri c’è Raffaele Corcione.

Al pronti via i biancazzurri si mostrano ben concertati e pur dovendo fare i conti con una difesa dei padroni di casa profonda riescono a condurre da subito, la prima marcatura è proprio del capitano Messina, ma al 7’ subiscono il primo sorpasso dell’incontro. La gara ad elastico prende il via, ma al 24’ ci pensa Donoso a perfezionare una volante con Bronzo per il primo +2 (9-11) dell’incontro. Sullo scadere i lombari accorciano, complice anche un tiro da 7 metri gettato alle ortiche da Bronzo (12-13).

Nella ripresa la Junior Fasano prova a tenere a distanza i padroni di casa e riesce solo nei primi minuti poi sotto i colpi del solito Alessio Moretti, il giocatore più prolifico dell'incontro, incassa il primo -2 al 6’ (17-15). I biancazzurri riescono a ricucire complice anche le parate di Fovio, ma sul finale pagano dazio sul piano fisico accusando un nuovo -2 al 19’ (23-21) che si rivela letale. Sale in cattedra anche il portiere di casa Ivan Ilic e per la Junior Fasano svaniscono i sogni di portare a casa un risultato utile. Sullo scadere il punteggio diventa più rotondo -3 (26-23), ma la posta in palio era già assegnata.

Tempo stimato di lettura: 1' 10"

Attribuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Fasano social







Commenti recenti

  • Vinci Franco

    Praticamente la ss 172 parte dall' agip e nn da dopo patronelli per l'anas e le istituzioni varie, quella strada nn viene messa in...

    Mostra articolo