Da Fasano a Locorotondo

di Redazione Go Fasano venerdý, 29 luglio 2011 ore 10:11
“ScÚ descýtele Ó tutt'u munne ce tres˛le jÚ u Curd¨nne” recita un famoso detto locale: andate a dirlo a tutto il mondo che tesoro Ŕ Locorotondo.

Appartenente all’associazione “I borghi pi¨ belli d’Italia”, il paese dall’abitato a áforma rotonda (di qui il nome Locorotondo), ha un caratteristico centro storico: un insieme di piccole case bianche disposte su cerchi concentrici. Qui Ŕ possibile vedere le “cummerse”, le tipiche coperture spioventi fatte con pietre a secco, le chianchiarelle, le stesse dei trulli per intenderci, che coprono le abitazioni. Assolutamente da visitare il Vecchio Palazzo Comunale, ora Biblioteca Civica.

áL’edificio sorse probabilmente poco prima del ‘700 e la tozza torretta, che si vede in alto a filo col prospetto, venne eretta per collocarvi l’orologio proveniente dal campanile dell’antica Chiesa Madre dedicata a áSan Giorgio, che insieme a San Rocco Ŕ il Patrono della cittÓ. Ai due protettori gli abitanti sono molto devoti.
La festivitÓ del santo Protettore, per molteplici motivi, non ultimo il periodo nel quale si festeggia (15-16-17 agosto), Ŕ infatti la pi¨ attesa e pi¨ amata dai locorotondesi e, dal momento che “tutto il mondo Ŕ paese”, la festa Ŕ preannunciata dall’arrivo dei forestieri e dei paesani residenti all’estero che si prodigano a riabbracciarsi proprio per quell’occasione. I solenni riti religiosi, le lunghe processioni ed i fuochi d’artificio (tra i pi¨ belli di tutto il sud Italia) sono le tradizioni della festa dei locorotondesi, che per il pranzo prevede sempre la caratteristica scorpacciata di “gnumerŔdde” ed agnellone al fornello.á

Nella notte fra il 16 ed il 17 agosto si svolge la gara pirotecnica assai attesa dalle migliaia di entusiasti spettatori che ogni anno accorrono da ogni parte.á
Non ci si pu˛ in alcun modo dimenticare, parlando di Locorotondo, dei caratteristici trulli, della bella villa comunale e, soprattutto, del buon vino locale prodotto nella Cantina Sociale “Locorotondo DOC”. Tra un buon bicchiere di vino ed una passeggiata nelle campagne del paese, ci si fa catturare dal fascino di questo stupendo scorcio di Valle D’Itria.

Attribuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Fasano social







Commenti recenti

  • pastore giovanni

    Non entro nel merito delle opinioni politiche della maggioranza e della opposizione.Ma ,se Ŕ vero,che c'erano CONSIGLIERI COMUNALI CHE USCIVANO...

    Mostra articolo