Aule gelide ed ora anche vuote, gli studenti fasanesi disertano le lezioni

di Marisa Cassone martedì, 15 gennaio 2019 ore 11:05

Questa mattina sciopero degli studenti delle scuole superiori fasanesi

FASANO – Dopo le festività natalizie, lo scorso 7 gennaio si è tornati sui banchi di scuola. Le lezioni però si stanno svolgendo in aule gelide a causa della mancata accensione dei sistemi di riscaldamento. Le proteste non sono mancate fin dal primo giorno ma oggi gli studenti delle scuole superiori fasanesi hanno deciso di scioperare per far sì che la loro voce arrivi direttamente all’ente competente, ovvero la Provincia.
 
“Scuola deserta, Provincia in allerta” si legge su uno striscione apposto questa mattina all’ingresso del liceo “L. da Vinci”.
«La temperatura registrata nell’istituto non è sufficiente a garantire un normale svolgimento delle lezioni – ha dichiarato Marco Argento, rappresentante del “da Vinci” – ci sono state lamentele da parte dei ragazzi ma anche dei docenti. Protestiamo contro la Provincia perché non ci sono fondi per garantire l’accensione dei termosifoni almeno durante le ore di lezione. Oggi ci siamo rifiutati di prendere parte alle lezioni sperando che questa nostra protesta arrivi a chi di competenza. Non abbiamo scelto di fare cortei per non creare disagi alla città e alla scuola che non hanno alcuna colpa. La struttura comunque ha dei problemi di perdite e infiltrazioni perché ormai datata e i fondi per le riparazioni spettano alla Provincia. Non ci resta che aspettare una soluzione altrimenti continueremo con la nostra protesta».

Attribuzione - Non commerciale

   
  1. pastore giovanni 15 gennaio 2019, ore 15:02

    Il referendum del 4/12/2016 proponeva l'abolizione delle Province.L'indiscutibile esito fornito dal referendum chiese, per volontà del popolo italiano,il mantenimento delle Province e di conseguenza l'erogazione delle stesse prestazioni sul territorio di competenza.Invece arrivò e persiste il paradosso di Enti saldi dal punto di vista istituzionale ma fortemente condannati e penalizzati da tagli insostenibili con i quali non si possono mettere toppe sull'asfalto,riparazioni e riscaldamento nelle scuole.

Mostra tutti i commenti

Inserisci un commento


Fasano social







Commenti recenti

  • meoli fede

    Perché tra gli artisti intervenuti in particolare mi è simpatico Piero Ciakky? soprattutto perché ha fatto esperienza nel settore dell’animazione...

    Mostra articolo