I giornalisti festeggiano San Francesco di Sales esortando alla verità

di Marisa Cassone venerdì, 25 gennaio 2019 ore 05:45

Il Circolo della Stampa di Fasano ha preso parte alla celebrazione eucaristica in onore del santo patrono

FASANO – Dal 1993, il Circolo della Stampa “Secondo Adamo Nardelli” di Fasano festeggia il patrono dei giornalisti, San Francesco di Sales. Ieri, giovedì 24 gennaio, giorno in cui la Chiesa cattolica celebra il santo, Don Vito Palmisano ha presieduto una santa messa nella chiesa di S. Maria de La Salette, momento di preghiera e di riflessione per tutti gli operatori dell’informazione.
 
Nel corso dell’omelia, è stata risaltata la figura di San Francesco di Sales, vissuto tra il Cinquecento e il Seicento e divenuto santo patrono dei giornalisti perché diffuse il cristianesimo servendosi dei mezzi di comunicazione sociale.
 
«Gesù può essere considerato il primo giornalista – ha affermato Don Vito - diffonde la parola e la verità per manifestare l’amore di Dio. I giornalisti non dovrebbero scovare soltanto lo scoop ma essere capaci di scoprire ciò che si nasconde nel silenzio attraverso un servizio nella realtà sociale, impiegando sapienza, competenza e capacità di dialogo».
 
Al termine della celebrazione eucaristica, ha preso la parola Franco Lisi, decano dei giornalisti fasanesi che ha portato i saluti del presidente del Circolo, Paola Guarini, e voluto lanciare un messaggio, o meglio offrire un insegnamento ai giovani che si apprestano a svolgere questa difficile ma appassionante professione: «Quello del giornalista è un mestiere di testa e scarpe: bisogna camminare e andare a caccia della notizia. Non dobbiamo aspettare che sia lei a raggiungerci alla nostra scrivania. Questo non è un mestiere facile anche a causa dell’attuale crisi. Dobbiamo dar voce alla verità sforzandoci di mantenere in vita il valore delle testate locali».

Fotoservizio: Mario Rosato

 

Attribuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Fasano social







Commenti recenti

  • meoli fede

    Perché tra gli artisti intervenuti in particolare mi è simpatico Piero Ciakky? soprattutto perché ha fatto esperienza nel settore dell’animazione...

    Mostra articolo