Il “Salento Finibus Terrae” a Savelletri nonostante il maltempo

di Redazione Go Fasano martedì, 15 luglio 2014 ore 09:27
Trasmessi 11 cortometraggi della sezione “Corto Italia”

Una immagine tratta da Insieme

SAVELLETRI- Seconda tappa fasanese per la dodicesima edizione del “Salento Finibus Terrae”, il festival internazionale del cortometraggio che da anni si sta confermando come uno dei più importanti appuntamenti estivi pugliesi.
 
 
Ieri sera (lunedì 14 luglio) il programma della manifestazione ha subito nuovamente un cambio, questa volta dettato dalle condizioni climatiche di questa pazza stagione estiva. Un cambio di location in extremis per ovviare al rischio della pioggia e dunque le proiezioni si sono tenute presso il “Savelletri Resort Hotel” anziché in piazza Amati.
 
 
Di scena i cortometraggi della sezione “Corto Italia”, con 11 cortometraggi rigorosamente firmati da registi italiani. Tra questi il corto “Piccola storia di mare”, diretto dal regista Dario di Viesto, classe 1982 e nativo di San Vito dei Normanni, che racconta di un anziano pescatore malato che non esce di casa da molto tempo. Un amico gli porta a casa un pesce appena pescato, al cui interno trova un pesciolino ancora vivo. Nell’anziano si risveglia qualcosa. 
 
 
Tra gli altri corti trasmessi ieri “Il gol di Remo”, interpretato da Carlo Monni e diretto dall’attore Niki Giustini. È la storia di un ex calciatore, ormai vecchio che nella sua carriera non ha mai segnato un gol, ma che decide di siglarne uno prima di morire. 
 
 
Spazio anche al dramma del cancro raccontato da Anna Maria Liguori in “Insieme”, interpretato dalla coppia Giorgia Wurth e Nicolas Vaporidis e l’ultimo cortometraggio firmato da Pino Quartullo, “Io…donna”, con protagonista Margherita Buy nel ruolo di una giornalista alle prese con un imprevisto consuntivo della propria vita sentimentale. 
 
 
Giorgio Colangeli è invece protagonista di “Buon San Valentino”, di Cristiano Anania, che racconta la giornata topica degli innamorati. Il pugilato è quindi al centro di “Alle corde”, di Andrea Simonetti, interpretato dall’attore pugliese Cosimo Cinieri, che racconta di un pugile dilettante che lavora all’Ilva di Taranto per mantenere se stesso e il padre, caduto in disgrazia a causa del vizio del gioco. 
 
 
Gli altri cortometraggi protagonisti della serata sono stati “Taxi” di Marco Arturo Messina (che ha aperto la serata), “Carrozzella negra” di Mario Savina ed Emanuele Lucci, “Rose rosse” di Sole Tonnini, “Malatedda” di Diego Monfredini e “Ad esempio” di Silvio Governi.
 
 
Stasera (martedì 15 luglio) il “Salento Finibus Terrae” sarà di scena in collina, alla Selva di Fasano in viale Toledo (in caso di maltempo la manifestazione si sbolgerà all’interno del Palazzo dei Congressi della Casina Municipale) per l’ultimo appuntamento itinerante che precederà la serata finale di Borgo Egnazia prevista per domani (mercoledì 16 luglio). 
 
 
Saranno proiettati stasera, a partire dalle ore 20.45, 12 cortometraggi internazionali per la sezione “Reelove”. È prevista le presenza dell’attrice Caterina Murino. 
 
 
Tempo stimato di lettura: 2’00’’
 
 
 
 

Attribuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Fasano social







Commenti recenti

  • pastore giovanni

    "NON MI SENTO PIU' RAPPRESENTATO DA NESSUNO E PER QUESTO NON ESPRIMERO' IL MIO VOTO".Questa dominante scelta,cosciente e ragionata,di molti...

    Mostra articolo