Cabaret alla Casina Municipale

di Redazione Go Fasano domenica, 18 luglio 2010 ore 14:18
Migone, Bagnato e Vernia si esaltano alla Selva

SELVA DI FASANO - Comincia con la stagione di cabaret silvana alla casina municipale dove, come ogni anno, si mette a punto una ricca rassegna di spettacoli di vario genere in cui, non mancano mai gli appuntamenti con i comici di Zelig, l'ormai consolidata fucina di talenti comici nazionali.
Quest'anno il direttore artistico Tommy Rubino in collaborazione con la Mad management, ha messo a punto un una serie di 3 eventi all'insegna del cabaret e venerdi 16 luglio si è tenuto il primo appuntamento ove protagonisti sono stati Giovanni Vernia, Massimo Bagnato, l'irriverente comico salentino Piero Ciakky, Paolo Migone e Antonello Taurino.


Alla presenza di un pubblico molto partecipe, ma non cosi numeroso, si sono alternati sul palco dapprima Piero Ciakky, comico salentino che diverte e "riscalda" il pubblico sottolineando le ormai canoniche differenze tra le abitudini odierne e quelle che furono decenni fa. Dopo di lui tocca a Massimo Bagnato rivelazione dell'anno a Zelig che colpisce immediatamente per la sua geniale ed inimitabile assurdità, in quanto il suo spettacolo non  è riconducibile a nessuno degli stereotipi esistenti o conosciuti degli esempi classici di cabaret, in cui con degli improbabili e surreali quesiti porta le braccia del pubblico lentamente ai crampi. Davvero formidabile ed inimitabile, infatti, il suo talento del tutto naturale che viene confermato da uno dei mostri sacri del circus zelighiano, Paolo Migone che ne conferma in pubblico la pazzia anche nella vita quotidiana.
Dunque, Migone con il suo inconfondibile occhio nero racconta da sempre le paranoie e le psicosi eterne esistenti tra moglie e marito. Analizza con piglio ed una comicità lucida e spesso puntigliosa gli psicodrammi che quotidianamente si realizzano nella quotidianità delle coppie.
Da sottolineare la grande capacità del comico di improvvisare ed adattare il suo pezzo alla  imprevista musica derivante dai "vicini di palco" della Torretta, che con musica a tutto volume e acuti degni di nota "influenzavano" le perfomance in atto alla Casina.
Dopo le simpatiche "figure indecorose" del salentino Antonello Taurino, lo spettacolo è proseguito con la doppia alternaza dei comici che si sono esibiti due volte fino ad arrivare alla conclusione ad opera di Giovanni Vernia che al ritmo dell' "essiamonoi essiamonoi" ha davvero coinvolto tutto il pubblico riuscendo a "mixare" un pezzo house col fare "cafonesco" tipico del personaggio, jhonny groove che si è costruito addosso.
Spettacolo in sostanza gradevole soprattutto se si considerano i tre big isolatamente, un po' meno se si valutano i presentarori.
L'appuntamento è per venerdì prossimo 25 luglio (sempre alla Casina Municipale di Fasano) con Stefano Bellani, Gene Gnocchi, l'esilarante duo di Pablo & Pedro e la gradita riconferma di Piero Ciakky.

Attribuzione - Non commerciale

   
  1. meoli fede 5 giugno 2019, ore 10:11

    Perché tra gli artisti intervenuti in particolare mi è simpatico Piero Ciakky? soprattutto perché ha fatto esperienza nel settore dell’animazione turistica, è una passione che abbiamo in comune, anche io facevo l’animatore, certo non ho avuto un seguito in campo artistico, ma resta un ricordo indelebile .Iniziai come animatore per bambini in feste di compleanno, cerimonie, eventi vari e poi durante l’estate ho lavorato in centri estivi. Però devo dire che l’esperienza che più mi è rimasta nel cuore, fu quando feci l’animatore turistico,ricordo ancora le emozioni provate ad indossare quella divisa, la prima volta che salii sul palco, le tante amicizie, le avventure..insomma è un’ esperienza unica nel suo genere e che invito i giovani a fare. Ovvio non è che si può fare l’animatore per sempre e che tutti gli animatori devono poi diventare artisti famosi, ma andrebbe considerato come un percorso di vita, educativo e formativo. Conosco bene questa realtà, da anni collaboro con Animandia.it un sito del settore e posso assicurare che per un giovane trovare impiego estivo come animatore turistico non è affatto difficile,ci sono tante proposte anche per coloro che non hanno esperienza, basta avere un carattere estroverso, tanta grinta e la voglia di mettersi in gioco. Chiedo scusa se sono stato inopportuno, ma è solo la nostalgia di quei bei tempi e se potessi tornare giovane lo rifarei…

Mostra tutti i commenti

Inserisci un commento


Fasano social







Commenti recenti

  • meoli fede

    Perché tra gli artisti intervenuti in particolare mi è simpatico Piero Ciakky? soprattutto perché ha fatto esperienza nel settore dell’animazione...

    Mostra articolo