Buon 2019 a tutti i fasanesi!

di Giannicola D'Amico martedì, 1 gennaio 2019 ore 00:00

Gli auguri di Gofasano.it

Un altro anno è passato!
 
Sono ore, queste, di bilanci. 
 
Bilanci di quello che è accaduto, bilanci delle attività svolte, bilanci delle proprie coscienze.
 
Si chiude un anno che, per la nostra città, è stato intenso, complicato e ricco di positività ma anche di tante criticità e sofferenze.
 
Un anno con eventi calamitosi di non poco conto (tra cui le nevicate), con numerosi incidenti stradali anche mortali (che hanno avuto come vittime anche giovanissimi fasanesi), con numerosi suicidi (episodi sui quali qualcuno dovrà pur riflettere), con un centro storico cittadino sempre più “ostaggio” di balordi e vandali, con furti di auto, con truffe agli anziani, con rifiuti sempre più sparsi da incivili per le strade di campagna, con traffici di droga che prediligono sempre più la costa fasanese, con crisi occupazionali (numerose sono state le giuste proteste ad esempio degli operai Tradeco), con la famigerata Xylella fastidiosa ritrovata anche a Fasano, con carenze nella erogazione dei servizi sanitari presso l’ormai ex Ospedale.
 
Il 2018 è stato, però, anche l’anno che ha visto l’avvio dei lavori per la messa in sicurezza della statale 172, che ha visto la posa della prima pietra del nuovo Ospedale di Monopoli-Fasano, di novità importanti circa la realizzazione del Palazzetto dello Sport, del prosieguo dei lavori del nuovo canalone per la messa in sicurezza idrogeologica del territorio di Pezze di Greco e Torre Canne. 
 
L’anno che se ne va è stato, anche, l’anno in cui numerose sono state le iniziative di solidarietà a sostegno dei più deboli, anche messe in campo dalle associazioni del terzo settore, e di numerose iniziative nelle scuole relative a progetti di educazione civica e sicurezza (alcuni anche premiati dal Senato della Repubblica). È stato l’anno di eventi sportivi di livello internazionale, grazie alla caparbietà e capacità di numerose associazioni fasanesi, ma anche di aziende private e strutture turistico ricettive che hanno conquistato meriti a livello internazionale. 
 
Fasano, anche nel 2018, è stata scelta quale location di molti importanti film, come è stata anche mèta per le vacanze di numerosi vip (da Ronn Moss, a Naomi Campbell e David Hasselhoff, da Alena Seredova a Belen Rodriguez e Andrea Iannone, a Diletta Leotta e Caterina Balivo).
 
Ognuno ripone nel 2019 le proprie speranze e le proprie aspettative.
 
Le ripone il cittadino fasanese – di Fasano e frazioni – che spera in un nuovo anno diverso da quello appena trascorso, con maggiori certezze in campo lavorativo ed economico. Con maggiore attenzione da parte di tutti i cittadini verso l’ambiente e il creato.
 
Le ripone ogni bambino che si augura di avere la giusta attenzione in ogni contesto sociale e i giusti spazi per esprimere le proprie speranze, e che spera in una scuola sempre più a misura di bambino, con la speranza che l’episodio della maestra manesca fasanese condannata in primo grado dal Tribunale di Brindisi resti solo un brutto ricordo.
 
Le ripone ogni anziano e pensionato che auspica di avere servizi e assistenza – sociale e sanitaria – sempre più a misura d’uomo e rispondente alle proprie esigenze.
 
Le ripone ogni agricoltore, ed in particolare olivicoltore fasanese, reduce da una campagna olivicola disastrosa, con la Xylella ormai comparsa sul territorio, con una produzione azzerata dalle calamità e con gli storni che hanno dato il colpo di grazia. Le ripone ogni famiglia che vive dall’agricoltura, con braccianti che hanno lavorato poco e niente in questo ultimo anno, con frantoi molti dei quali restati inattivi.
 
Le ripone ogni commerciante, ogni artigiano e imprenditore edile, anche loro da anni costretti dalla crisi economica a tagliare posti di lavoro e a sperare in un futuro migliore.
 
Le ripone ogni imprenditore turistico del territorio, che seppur reduce da una stagione ricca di presenze turistiche, spera sempre in un territorio che possa offrire servizi e ospitalità sempre più elevati.
 
 Auguriamoci, dunque, che il 2019 sia l’anno del piano coste e del Piano Urbanistico Generale per Fasano, che le emergenze ambientali vissute nel 2018 (alga tossica e scarichi fognari a mare) restino solo un brutto ricordo. Che i cantieri nelle frazioni fasanesi e al rinascita della collina e del centro storico annunciati dal sindaco nel suo messaggio augurale di fine anno non rimangano un mero annuncio. Che le opere pubbliche accennate poc’anzi (messa in sicurezza della 172, nuovo ospedale, canaloni) proseguano speditamente senza intoppi.
 
Insomma auguriamoci che le speranze di ognuno si trasformino in realtà.
 
Buon anno, dunque, a tutti quanti.
 
Ai più deboli e ai più disagiati. 
 
Ai disoccupati. Ai tanti ragazzi che non riescono a trovare una giusta occupazione. 
 
A chi è ammalato e a chi sta vivendo sofferenze e criticità.
 
Buon anno alle decine e decine di migliaia di lettori che hanno continuato a seguirci quotidianamente nel 2018, nel corso del quale la guida di Gofasano.it  è stata acquisita, con un vero e proprio “atto di amore” per il territorio, da un nuovo gruppo editoriale.
 
Buon anno a chi – nei ruoli più disparati, dalle istituzioni, agli enti del territorio, alle forze dell’ordine, alle scuole, alle parrocchie, alle associazioni, a chi ha responsabilità pubbliche – in questo ultimo anno ha lavorato per il bene comune.
 
Buon anno a tutti i fasanesi!
 
 
Tempo stimato di lettura: 2’ 
 
 
 
 
 

Attribuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Fasano social







Commenti recenti

  • meoli fede

    Perché tra gli artisti intervenuti in particolare mi è simpatico Piero Ciakky? soprattutto perché ha fatto esperienza nel settore dell’animazione...

    Mostra articolo