Rifiuti, aumento del canone alla GialPlast. Scianaro chiede chiarimenti

di Redazione Go Fasano giovedì, 20 dicembre 2018 ore 05:30

L’interrogazione del consigliere in vista della riunione di consiglio comunale

 

FASANO – Il consigliere comunale Antonio Scianaro, ha presentato un’interrogazione su “integrazione del canone mensile corrisposto alla società Gial Plast”, da discutere quest’oggi in seduta di consiglio comunale.
 
«La questione dei rifiuti a Fasano – scrive Scianaro - ha dei contorni che ci lascia quantomeno perplessi. A tutt’oggi non si conoscono eventuali novità, in merito alla dilazione sul capitolato di ambito ARO. L’affidamento con la ditta TRADECO per la gestione del servizio di igiene urbana scadeva il 30 giugno 2018. Da tempo l’amministrazione avrebbe dovuto espletare gara ponte per dare continuità al servizio igiene urbana. L’amministrazione per i ritardi accumulati, ha dovuto prorogare alla ditta TRADECO il servizio fino al 31 ottobre 2018 nelle more dell’espletamento della procedura di gara. Il tribunale di Bari con sentenza numero 112 dell’8 ottobre 2018 ha dichiarato il fallimento della società TRADECO di Altamura. L’urgenza invocata, non può nascondere una situazione ampiamente conosciuta da queste amministrazione.
 
Nella necessità di garantire la prosecuzione del servizio di igiene urbana, questa amministrazione ha ritenuto di richiedere in data 8 ottobre 2018 via pec alle ditte Monteco srl, TecknoService srl, GialPlast srl, (tutte iscritte nella White list delle rispettive Prefetture di riferimento territoriale) la disponibilità, riscontrata nei termini assegnati, allo svolgimento del servizio di igiene urbana nel Comune di Fasano per mesi sei. Nell’ordinanza sindacale n.27 del 12 ottobre 2018, non traspare la motivazione della scelta sulla GialPlast srl, né quella di eventuali rinunce e/o indisponibilità degli altri due soggetti invitati. Il sindaco Zaccaria, sbandierava: “Tutti i cittadini possono stare tranquilli sul fatto che la nostra attenzione alla qualità del servizio rimane massima: vogliamo Fasano come le altre città, pulita a costi ragionevoli per tutti”, che grazie al temporaneo nuovo gestore della raccolta dei rifiuti, la Gial Plast, avremmo risparmiato circa €. 65.000 al mese per n. 6 mesi. Vista la determina n. 2082 del 07.12.2018, che cita “la società subentrante ha manifestato documentate perplessità sulla sostenibilità economica del prezzo di affidamento, in relazione ai servizi da garantire secondo il vecchio contratto d’appalto e pertanto, d’intesa con l’Amministrazione, si è reso necessario integrare il canone mensile corrisposto alla società Gial Plast srl a partire dal mese di novembre per euro 45.000,00 Iva esclusa al 10%”, il consigliere comunale interroga il sindaco affinché venga fatta chiarezza, su come sono stati definiti gli importi ed i servizi nel momento delle stipula il 12 ottobre u.s. e quali sono stati i motivi che hanno precluso ogni interlocuzione con le altre ditte che hanno dichiarato disponibilità».

Attribuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Fasano social







Commenti recenti

  • pastore giovanni

    "NON MI SENTO PIU' RAPPRESENTATO DA NESSUNO E PER QUESTO NON ESPRIMERO' IL MIO VOTO".Questa dominante scelta,cosciente e ragionata,di molti...

    Mostra articolo