“Pianteṛ una casa”, la solidarietà dei bambini fasanesi

di Redazione Go Fasano luned́, 24 dicembre 2018 ore 04:59

Manifestazione per i bambini delle baraccopoli di Nairobi e per i bambini indiani dell’orfanotrofio di Buddavaram

FASANO - Le scuole del Primo Circolo Didattico di Fasano, ovvero la scuola primaria “Collodi”, l’Istituto Latorre, il plesso di Savelletri, insieme alle sezioni dei bambini di 5 anni della scuola dell’infanzia, hanno dato vita all’ iniziativa “Pianterò una casa”. Venerdì 21 dicembre, nel cortile della “Collodi”, si è tenuta una manifestazione di solidarietà per i bambini delle baraccopoli di Nairobi e per i bambini indiani dell’orfanotrofio di Buddavaram.
 
Nei giorni scorsi, i bambini hanno raccolto delle piccole offerte per classe per donarli alla Onlus “Solidarietà Missionaria” e alla Onlus “Mummy&Daddy” per la costruzione di case. I piccoli hanno poi realizzato un vero villaggio con le casette da loro costruite insieme alle insegnanti presentandolo venerdì, tra canti e poesie, nel cortile della scuola alla presenza del dirigente Gennaro Boggia, il dott. Erminio Rotunno presidente dell’associazione “Mummy&Daddy”, il dott. Vincenzo Salvia presidente dell’ associazione “Solidarietà Missionaria” e l’ assessore Giuseppe Ventrella. La manifestazione si è conclusa nel Parco della Rimembranza dove i bambini hanno collocato le loro casette “riponendo nelle mani degli adulti il loro lavoro” con entusiasmo e speranza.
 
Una filastrocca intitolata “Solidarietà” è il miglior esempio con cui i bambini hanno illustrato il fine dell’iniziativa.
 
Anche quest’anno diamo una mano
A che vivere tanto lontano
E la nostra solidarietà
Una casa regalerà
a dei bambini meno fortunati
Che in altri paesi sono nati.
L’Africa e l’India raggiungeremo
E con i nostri soldini costruiremo
Tante casette, Grandi e piccine
Con porte, finestra e mille lucine;
Così anche per loro Natale sarà
E sul loro viso un sorriso si poserà.

Attribuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Fasano social







Commenti recenti

  • pastore giovanni

    "NON MI SENTO PIU' RAPPRESENTATO DA NESSUNO E PER QUESTO NON ESPRIMERO' IL MIO VOTO".Questa dominante scelta,cosciente e ragionata,di molti...

    Mostra articolo