Fasano per geriatri

di Zoo Fasano giovedì, 5 novembre 2009 ore 17:07
La nuova puntata della rubrica Zoo di Fasano.

da anni a Fasano i politici sono sempre gli stessi, qualcuno ha perso dei capelli mentre qualche altro perdendo una tessera di partito, se n'è
fatta un'altra di un partito opposto, ma alla fine le carte in tavola sono sempre le stesse; nel corso degli anni qualche giovane si è
affacciato alla politica e ben che gli è andato è diventato consigliere per poi fare comunque il porta voce per conto di altri. Nella città
dello zoo le cose non cambiano, quelli che sedevano in aula consigliare 30 anni fa sono ancora lì e sono ancora i capi dei movimenti politici
più importanti, penso che in questa città per essere eletto la meritocrazia non ha nessuna valenza e lo dico perché di giovani bravi e
soprattutto onesti ce ne sono tanti ma al potere si ripresentano sempre e solo i soliti mangia polpette, vuoi che siano di sinistra o vuoi che
siano di destra.
C.C.


In quell'antico Egitto che è la politica italiana, Fasano non poteva non esibire le sue Mummie. Bisogna liberarcene, certo, ma con cautela.Oggi
è assai di moda il politico "giovane" così "giovane" che tutto il resto perde importanza e parole come serio, brillante, preparato, capace, alla
fine suonano come accessori di discutibile utilità.
"Giovane" come fosse un valore, "giovane" come un titolo di merito, che in realtà non c'è. Essere "Giovane" non deve garantire l'accesso a corsie preferenziali senza il sostegno ineludibile delle variabili di merito e competenza. Tutto scontato. Come scontato è l'equivoco che tutto questo genera: la necessità di fare"gavetta", si trasforma nell'inesorabile presupposto per lo sfruttamento ed il conseguente logorio psicofisico di chi in realtà dovrebbe iniziare a calcare i primi passi in un mondo che preferisce custodirlo nel cellofan, assieme a poche speranze, tante turbative e zero contributi. Per la gioia dei geriatri ed andrologi. Così che il nostro scarpone (o forse il suo fossile) possa continuare a fluttuare nella sua insipida realtà di mummie e Mammoth.
E Fasano, che tutto sommato ha un'amministrazione con un'età media di tutto rispetto (55 anni) continua a coccolarsi i suoi splendidi esemplari: uno,
prossimo alla settantina, non ha nemmeno la licenza media. Tremendo: gente che per la Legge italiana, oggi non potrebbe guidare un'automobile, si permette di pilotare il "jet..." ehm... il trenino di palazzo città. Con l'innocenza di chi porta un carretto da frutta.
S.R.S.

Attribuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Fasano social







Commenti recenti

  • meoli fede

    Perché tra gli artisti intervenuti in particolare mi è simpatico Piero Ciakky? soprattutto perché ha fatto esperienza nel settore dell’animazione...

    Mostra articolo